OSSERVATORIO AFGHANISTAN

Dalla parte di chi non ha voce



I colloqui sulla presenza USA in Afghanistan innervosiscono le potenze regionali

|

Posted on | April 20, 2011

The New York Times, April 18, 2011 – By ROD NORDLAND
KABUL, Afghanistan
E ‘senza dubbio un processo delicato in un momento altrettanto critico. Funzionari afghani hanno espresso la preoccupazione che i negoziati possano affossare i colloqui di pace con i talebani, ora nelle fasi iniziali, perché i ribelli hanno insistito sul fatto che le forze straniere debbano lasciare il paese prima di futuri accordi. Il fatto che i colloqui non si siano interrotti indica la disponibilità  a un compromesso sui tempi del ritiro – ma è difficile immaginare l’accettazione da parte dei talebani di una presenza duratura americana. Colloqui formali su un accordo a lungo termine sono iniziati lo scorso mese con Marc Grossman – il funzionario che ha sostituito Richard C. Holbrooke, il diplomatico morto a dicembre – come inviato dell’amministrazione Obama per l’Afghanistan e il Pakistan. Una delegazione ha visitato Kabul, sotto la direzione di Frank Ruggiero, un funzionario del Dipartimento di Stato che ha gestito Provincial Reconstruction Team di Kandahar fino all’anno scorso. La reazione regionale è stata immediata. Il ministro degli interni iraniano ha fatto una visita precipitosa a Kabul, seguito a breve dai consiglieri della sicurezza nazionale di India e Russia. I russi, in genere favorevoli al ruolo della NATO in Afghanistan, sono stati allarmati per la prospettiva di una presenza a lungo termine occidentale.
“La Russia sostiene lo sviluppo dell’Afghanistan con le proprie forze in tutte le aree – sicurezza, economia e politica – ma solo con le proprie forze, specialmente dopo il 2014”, ha detto Stepan Anikeev, un consigliere politico presso l’ambasciata russa a Kabul. “Come è possibile la transizione mantenendo queste basi?” I funzionari americani si sono affrettati a rassicurare la Russia e altri paesi vicini circa le loro intenzioni dopo il 2014. Grossman, proprio con questo scopo, ha fatto una visita a Mosca alla fine del mese scorso. Inoltre i funzionari della Segreteria di Stato di Hillary Rodham Clinton hanno insistito sul fatto che qualsiasi presenza dopo il 2014 non significhi basi permanenti. la Clinton ha affermato in un discorso alla Asia Society il 18 febbraio che è un “quadro a lungo termine per la nostra cooperazione bilaterale.  In nessun modo il nostro costante impegno deve essere inteso come un desiderio da parte dell’America o dei nostri alleati per occupare l’Afghanistan, contro la volontà della sua gente,”  aggiungendo poi: “Non cerchiamo di installare alcuna base militare americana permanente nel loro paese”. I russi, però, si sono lamentati che qualsiasi colloquio su una presenza di truppe straniere in Afghanistan dopo il 2014 viola le intese internazionali, tra cui una fatta in una dichiarazione congiunta dal Presidente Obama e il presidente Dmitri A. Medvedev, il 24 giugno a sostegno di uno status neutrale per l’Afghanistan.

I funzionari afghani hanno riconosciuto, tuttavia, che i colloqui comportino una sorta di basi a lungo termine dopo il 2014, se non altro ai fini della formazione continua di truppe afghane. “Quello che stiamo discutendo è uno strategico quadro di  accordi a lungo termine”, ha detto Ashraf Ghani, consigliere del presidente Hamid Karzai, che è uno dei negoziatori afghani. “Gli Stati Uniti hanno definito molti accordi di lungo termine, dai 10 ai 25 anni, nell’ambito di un quadro generale”, “La cosa importante ora è che il senso di abbandono che era in aria lo scorso anno sia scomparso,” ha detto. Nella regione, molte persone hanno preso le rassicurazioni della Clinton come una prova che gli Stati Uniti non se ne andranno in qualsiasi modo vengano chiamate le basi. “Un accordo di 10 o 20 anni può essere prolungato in qualsiasi momento”, ha detto Anikeev. “E non abbiamo alcuna garanzia che non sia permanente.” “Gli americani non sono stati onesti su questo, anche tra di loro”, ha detto il mullah Attullah Lodin, vice presidente del Consiglio Superiore della Pace in Afghanistan, che è incaricato di condurre gli sforzi di riconciliazione con i talebani. “Si dice che non stiamo costruendo basi, un altro dice che le stiamo costruendo, è tutto molto confuso.”

La grande preoccupazione, ha detto, era che se tali accordi fossero stati raggiunti, questi renderebbero molto più difficile entrare in seri colloqui di pace con i talebani. “La prima cosa che richiedono i talebani è proprio il ritiro delle truppe straniere”, ha detto il mullah Lodin.
Rangin Dadfar Spanta, il consigliere per la Sicurezza Nazionale di Karzai invece non è d’accordo. “Riconciliazione e relazioni strategiche non sono in contraddizione tra loro. Abbiamo gli stessi obiettivi, la pace e la stabilità in Afghanistan, l’eliminazione dei santuari e delle basi per il terrorismo per il bene comune”. Nonostante tali preoccupazioni, i diplomatici affermano che funzionari americani e afghani stanno accelerando il calendario dei negoziati, con gli americani che sperano di arrivare ad un accordo entro luglio, quando i primi ritiri di alcuni soldati americani staranno per iniziare.
“Gli afghani sono molto preoccupati sul dopo 2014”, ha detto un diplomatico europeo, che ha parlato sotto anonimato. “Stanno cercando di ottenere dall’Occidente tutto quello che possono ora.” Mr. Ghani ha dichiarato che i funzionari afghani speravano di ottenere un accordo sul trasferimento dei PRT (che forniscono aiuti dagli Stati Uniti e dalla NATO direttamente a progetti nella campagna afgana) sotto il controllo del Governo Afghano. In generale, gli afgani chiedono che i soldi degli aiuti vengano incanalati attraverso il loro governo e vogliono anche vedere una ridotta presenza delle Nazioni Unite. Poi c’è il problema di come gli afghani saranno in grado di pagare per la loro polizia notevolmente ampliata e militare, che secondo alcune stime richiederà 10 miliardi di dollari l’anno, ovvero 10 volte il gettito fiscale annuale del governo afgano.
“L’impegno è quello di ottenere quanto più possibile nel corso dei prossimi due anni”, ha detto il diplomatico europeo. “Loro comprendono che non otterranno quanto sono abituati ad ottenere, e spingono per ottenere il più possibile.” Un diplomatico regionale, parlando sotto anonimato per ragioni analoghe, ha detto che gli americani erano egualmente preoccupati di mantenere un punto di appoggio a lungo termine o permanente in Afghanistan per i propri interessi. “C’è stato un tempo in cui gli americani lottavano per installare una base in Asia Centrale”, “Questo è il luogo dove si possono avere tutte le basi che vogliono, e l’Afghanistan è anche il cuscinetto tra due potenze nucleari islamiche, l’Iran e il Pakistan.” “Ci sono forze della reazione che spingono per far iniziare il Grande Gioco 3.0  e gli insorgenti che intendono sfruttare questa situazione”, ha dichiarato Mark Sedwill, il più anziano rappresentante civile della Nato in Afghanistan, in un recente discorso.
Il raggiungimento di un accordo tra i diplomatici su una Dichiarazione di Partenariato Strategico sarà solo un primo passo. Karzai ha già detto che tale accordo dovrebbe essere sancito da una Loya Jirga nazionale, una assemblea tribale che opera come un referendum su questioni importanti. “In generale, le persone sono in Afghanistan contro le forze straniere”, Mullah Lodin, il negoziatore, ha detto. “Non credo che la Loya Jirga potrà mai sostenere le forze straniere nel paese.” Mr. Spanta ha riconosciuto questa difficoltà. “Dobbiamo convincere il popolo afgano ci sia qualcosa per noi in questo”, ha detto.

Share on Facebook
  • Calendario eventi

    September  2017
    Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
       
      1 2 3
    4 5 6 7 8 9 10
    11 12 13 14 15 16 17
    18 19 20 21 22 23 24
    25 26 27 28 29 30  
  • 5×1000 ALLE DONNE AFGHANE

    Destina il 5x1000 alle donne afghane attraverso il CISDA CF: 97381410154
  • Categorie

  • Menu di accesso