OSSERVATORIO AFGHANISTAN

Dalla parte di chi non ha voce



Turchia alla guerra in Kurdistan con le armi Finmeccanica

Posted on | November 29, 2015 savas-599x275

dal sito di UIKI, 26 Novembre 2015
Parlano anche italiano i nuovi sistemi di guerra impiegati in Kurdistan. Gli elicotteri d’attacco T129 sono stati prodotti in Turchia dalle Tusas Turkish Aerospace Industries (TAI) su licenza della società italo-britannica AgustaWestland, interamente controllata dal gruppo Finmeccanica.

Share on Facebook

L’uccisione di Tahir Elci è un altro tassello della politica terroristica del governo di Ankara-Rete Kurdistan Italia

Posted on | November 28, 2015 Elçi

dal sito di ReteKurdistan, 28 novembre 2015
Facciamo nostra la proposta di una giornata nazionale di mobilitazione in difesa dei diritti umani e contro la repressione in atto in Turchia da parte del governo di Ankara contro il popolo curdo e contro tutti i democratici per il 10 dicembre 2015.-Rete Kurdistan Italia

Share on Facebook

Tra ISIS e guerra, la speranza è curda

Posted on | November 28, 2015 ypj-700x325

dal sito di retekurdistan, 27 novembre 2015
Abbiamo intervistato Yilmaz Orkan, membro del KNK (Consiglio nazionale del Kurdistan), per parlare di ISIS (“un fascismo del terzo millennio”), pace (“una bella parola”, ma molto lontana), confederalismo democratico (“un progetto per tutti i popoli del Medio Oriente”). Nelle tenebre del fondamentalismo e della guerra, la questione curda sembra oggi l’unica luce. Con riflessi globali su alcune delle principali problematiche del presente.

Share on Facebook

Kabul, mani sulla città. Dopo i furti bancari arriva Smart-city

Posted on | November 24, 2015 smart city

dal blog di Enrico Campofreda, 24 Novembre 2015
In quella municipalità di Kabul chiamata Shahrak-e Hoshmand, sorta e ora ampliata lungo la via che conduce all’aeroporto – cittadella-bene definita ‘Smart city’ dai signori che se ne intendono – è recentemente comparso mister Khalilullah Ferozi.

Share on Facebook

Voci dalla sinistra afgana

Posted on | November 22, 2015 meena_lcm_article

Dall’intervista a un’attivista di RAWA: “ Le violenze sulle donne afgane sono peggiori di prima: ogni giorno le donne vengono assassinate con accuse di adulterio, vengono massacrate di botte, rapite o soffocate nella violenza domestica. Dopo tutti gli slogan sulla liberazione delle donne afgane, il fallimento di ogni programma di difesa dei diritti delle donne in Afghanistan si deve proprio al fatto che l’occupazione USA ha portato al potere le parti più misogine della società afgana.”

Share on Facebook

Fuga dalla Kabul degli affari

Posted on | November 21, 2015 giovani1

Fugge anche la gioventù dorata plasmata per il sostegno alla “classe dirigente” afghana. In questo Stato prigioniero del business della guerra imperialista e del fondamentalismo – quest’ultimo, secondo i casi, nemico o alleato di governanti corrotti – non vogliono più vivere neppure i beneficiati.
Dal blog di Enrico Campofreda.

Share on Facebook
keep looking »
  • Calendario eventi

    June  2017
    Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
       
      1 2 3 4
    5 6 7 8 9 10 11
    12 13 14 15 16 17 18
    19 20 21 22 23 24 25
    26 27 28 29 30  
  • 5×1000 ALLE DONNE AFGHANE

    Destina il 5x1000 alle donne afghane attraverso il CISDA CF: 97381410154
  • Categorie

  • Menu di accesso