OSSERVATORIO AFGHANISTAN

Dalla parte di chi non ha voce



Afghanistan: Le vittime di un terribile mese di violenze devono avere giustizia

|

Posted on | November 7, 2017

Amnesty International UTC 31 ottobre 2017

In risposta ad un’ondata di attacchi nell’ultimo mese di gruppi armati in Afghanistan che hanno deliberatamente colpito civili, incluse minoranze religiose, Horia Mosadiq  Ricercatore di Amnesty International in Afghanistan ha detto:

“Il bombardamento di oggi è la più grande tragedia che possa accadere alla gente in Afghanistan in quello che è stato un mese tra i più sanguinari. Il deliberato obiettivo di civili è un crimine di guerra. Le vittime di questa ondata terribile di violenza non devono essere ridotte ad oggetto di pietà. Esse meritano giustizia. Coloro che sono responsabili di questi crimini devono essere perseguiti e puniti con processi equi per far finire la cultura dell’impunità per queste atrocità.

Le autorità afghane hanno una responsabilità a fare ciò che possono per proteggere i civili dagli attacchi di gruppi armati. Condanne ufficiali non bastano.

L’inesorabile violenza in Afghanistan mostra come il paese non sia sicuro. I paesi europei che hanno forzatamente rimpatriato afghani, in violazione della legge internazionale, devono fronteggiare questa realtà. Rimandando indietro le persone, le mettono in pericolo.”

Traduzione a cura del CISDA

Share on Facebook
  • Calendario eventi

    November  2017
    Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
       
      1 2 3 4 5
    6 7 8 9 10 11 12
    13 14 15 16 17 18 19
    20 21 22 23 24 25 26
    27 28 29 30  
  • 5×1000 ALLE DONNE AFGHANE

    Destina il 5x1000 alle donne afghane attraverso il CISDA CF: 97381410154
  • Categorie

  • Menu di accesso