OSSERVATORIO AFGHANISTAN

Dalla parte di chi non ha voce



Demirtaş: Non mi aspetto giustizia da questa corte.

|

Posted on | April 19, 2018

Uiki onlus, 14 aprile 2018

Selahattin Demirtaş, ex co-Presidente dell’HDP nel suo intervento di difesa al tribunale di Ankara ha detto: “Non ho né speranza né aspettative rispetto al fatto che questa corte eserciterà la giustizia.“

La terza udienza del processo per il co-Presidente del Partito Democratico dei Popoli (HDP) n carcere Selahattin Demirtaş è proseguita a Ankara per il terzo girono con l’intervento di difesa dell’imputato.

Il processo nel complesso del carcere di Sincan è stato seguito da deputati HDP e dal vice co-Presidente del CHP Tekin Bingöl. Come nei due giorni precedenti di processo, il numero di spettatori era limitato a 50 persone. Demirtaş ha commentato il fallimento del processo di risoluzione e detto che il Primo Ministro Davutoğlu non ha mai creduto in un processo di soluzione: “È un politico miope che si è fatto carico dell’organizzazione imperiale neo-ottomana dello Stato. Non ha mai considerato il popolo curdo uguale. È un guerrafondaio che ha fatto la sua parte per mettere fine al processo di soluzione. “

Non mi aspetto giustizia

Demirtaş ha proseguito, “Il ruolo della politica è di creare e attuare alternative. Un politico che non lo fa è un politico miope, da poco, che si ciba di sangue. Grazie a Dio la nostra coscienza può essere rassicurata da questo punto di vista perché abbiamo fatto ogni sforzo possibile fino alla fine. Se potessi salvare anche una sola vita umano, passerei in carcere anche mille anni. Se abbiamo impedito l’intensificazione dei combattimenti, se il prolungamento del processo di pace per un solo giorno ha potuto salvare anche una sola persona, affronterei mille anni di carcere. Ma coloro che sono responsabili per i massacri di migliaia vivono nel lusso e hanno lo Stato nelle proprie mani, anche se il loro governo proseguisse secondo la loro volontà possono sentirsi tranquilli come mi sento io nella mia cella di tipo F? Non possono farlo. Io sono molto calmo. Vivo in una cella del carcere di tipo F di Edirne in una pace molto più grande di quella che possono vivere loro nei loro palazzi di lusso. E ci resterò. Non ho né speranza né aspettative di giustizia da parte di questa corte.”

Non sono qui per difendere me stesso

Demirtaş ha aggiunto, “Non sono qui per difendere me stesso contro queste accuse, sono venuto qua per denunciare pubblicamente i loro crimini!”

“Anche se mi bandiscono a vita, io sono un politico. Faccio politica anche nella mia cella. Siamo noi che decideremo l’elezione del Presidente. Siamo il castello e siamo la chiave. Siamo noi, anche se hanno imposto un bando della politica. Il castello è nelle nostre mani. Staremo a vedere cosa succede. “

Demirtaş ha detto che è andato nel carcere di Edirne a testa alta e che lo lascerà a testa alta. “Un suggerimento ai miei amici: se muoio, la mia bara va portata in posizione eretta, non supina.”

  • Calendario eventi

    May  2018
    Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
       
      1 2 3 4 5 6
    7 8 9 10 11 12 13
    14 15 16 17 18 19 20
    21 22 23 24 25 26 27
    28 29 30 31  
  • 5×1000 ALLE DONNE AFGHANE

    Destina il 5x1000 alle donne afghane attraverso il CISDA CF: 97381410154
  • Categorie

  • Menu di accesso