OSSERVATORIO AFGHANISTAN

Dalla parte di chi non ha voce



Richiesta di protezione internazionale per il ritorno della popolazione ad Afrin

|

Posted on | April 15, 2018

 

 

 

 

 

 

Da Uiki, 9 aprile 2018

Hêvî Mistefa, co-presidente dell’Amministrazione del Cantone di Afrin, chiede protezione internazionale per il ritorno della popolazione civile. Il “Consiglio di Afrin” fondato dallo stato turco è un “consiglio traditore”, ha detto.
Hêvî Mistefa, co-presidente del Cantone di Afrin, ha parlato all’ANF della situazione della popolazione civile in fuga a Shehba a causa dell’invasione militare turca e delle azioni dell’YPG / YPJ nella seconda fase della resistenza dopo l’evacuazione della popolazione. Mistefa richiede protezione internazionale per il ritorno dei civili in fuga da Afrin. Osservando che la comunità internazionale tace sull’occupazione della Turchia, dice: “Vogliamo che la popolazione ritorni sotto la supervisione di una delegazione internazionale”.
In particolare, le Nazioni Unite (ONU) non agiscono e stanno a guardare l’occupazione turca, Hêvî Mistefa continua. “Dopo una resistenza di 58 giorni, abbiamo deciso di evacuare la popolazione a Shehba per la loro protezione, tuttavia Shehba è solo una piccola area dove le opportunità di vivere e lavorare sono limitate. Centinaia di migliaia di persone che hanno dovuto lasciare Afrin solo con gli abiti che indossavano, ora vivono qui in condizioni molto difficili, finora non abbiamo ricevuto alcun sostegno da nessun organismo internazionale, stiamo cercando di soddisfare le esigenze delle persone solo attraverso il sostegno dei popoli della Siria settentrionale e dei preparativi che avevamo fatto già fatto.”

Dozzine di lettere scritte all’ONU
Ho scritto diverse lettere all’ONU, ma non ho ricevuto risposta, continua Hêvi Mistefa. Il popolo di Afrin non ha bisogno solamente di acqua e pane, ma della prospettiva di poter tornare nella sua terra. “La comunità internazionale, in particolare le Nazioni Unite, non ha fatto nulla per il popolo di Afrin, né a suo tempo ad Afrin né ora a Shehba, ho scritto dozzine di lettere all’ONU, ma non ho ricevuto nessuna risposta. Due giorni fa, una delegazione delle Nazioni Unite è arrivata e ha chiesto i nostri bisogni, che non si limitano solo al pane, acqua o coperte. Le persone dicono di poter sopportare la fame, la sete e il freddo, ma vogliono essere in grado di tornare in patria sotto la protezione delle Nazioni Unite, per cui richiedono che venga esercitata pressione sullo stato turco “.

Richiesta di protezione internazionale
Il popolo di Afrin ha alcune richieste per un ritorno in patria sicuro, spiega Hêvî Mistefa. “Lo stato turco e i suoi gruppi alleati terroristi volevano occupare Afrin da molto tempo, lo Stato turco stesso è la principale fonte di terrore nella regione, tuttavia cerca di spacciare l’occupazione come una “lotta contro il terrorismo”. Hanno sempre dichiarato che il loro intento è di occupare una parte della Siria e dividere la Siria. L’attuale insediamento di membri di bande islamiste ad Afrin dimostra che avevamo ragione: vogliamo che la popolazione possa tornare in patria sotto la supervisione di una delegazione internazionale Questa è una delle nostre principali richieste. “

Islamizzazione forzata e saccheggio
Tra le pratiche dello stato turco ad Afrin c’è l’islamizzazione forzata della popolazione non musulmana, il saccheggio della proprietà e l’imprigionamento della gente, dice Hêvî Mistefa. “Lo Stato turco e le sue bande stanno facendo un lavoro molto brutto e pericoloso ad Afrin: è noto che Afrin era un posto dove persone di diversa provenienza e fede vivevano insieme pacificamente. Attualmente le persone che sono rimaste ad Afrin subiscono delle pressioni molto pesanti: le loro proprietà vengono confiscate, il loro onore viene violato e gli ezidi sono costretti a visitare la moschea, ma sfortunatamente tutto ciò non viene detto”.

Il Consiglio dei traditori con i carri armati turchi
Hêvî Mistefa continua a commentare il consiglio che lo Stato turco ha creato con le bande jihadiste. Secondo Mistefa, “È un ‘consiglio del tradimento’ che si è insediato con i carri armati turchi ad Afrin”. Forse bisognerebbe dire che i suoi membri non sono persone che provengono dalla popolazione e vivono ad Afrin, ma che si preoccupano dei loro profitti personali nelle lobby degli hotel di Istanbul. Queste persone non stanno facendo assolutamente nulla per la popolazione e sono arrivati ad Afrin con i carri armati turchi. Pertanto non è altro che il “consiglio del traditore.”

La resistenza continua
I curdi devono continuare la loro lotta per Afrin in tutto il mondo, spiega la co-Presidente del cantone. “Le azioni della Turchia devono essere denunciate ovunque, bisogna chiarire che si tratta di un’invasione, la nostra resistenza continua. Afrin ha combattuto per tutto il Kurdistan e se non siamo in grado di fermare l’invasione turca, tutto il Kurdistan è in pericolo.” Erdoğan è diventato una delle principali minacce per il mondo intero, il silenzio globale lo incoraggia, sta perseguendo grandi illusioni ottomane e non vuole riconoscere che il mondo è cambiato e che il popolo curdo non è più lo stesso … Le illusioni di Erdoğan finiranno sicuramente quest’anno. “

  • Privacy

    Privacy Policy

    Informativa Cookie

  • Calendario eventi

    July  2018
    Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
       
      1
    2 3 4 5 6 7 8
    9 10 11 12 13 14 15
    16 17 18 19 20 21 22
    23 24 25 26 27 28 29
    30 31  
  • 5×1000 ALLE DONNE AFGHANE

    Destina il 5x1000 alle donne afghane attraverso il CISDA CF: 97381410154
  • Categorie

  • Menu di accesso