OSSERVATORIO AFGHANISTAN

Dalla parte di chi non ha voce



Giornata globale di Azione contro l’invasione turca del Kurdistan 26 Maggio

|

Posted on | May 12, 2018

 

 

 

 

 

 

 

 

da Uiki, 7 maggio 2018
Il governo di Erdogan ha portato le ambizioni coloniali dello Stato turco ad un nuovo livello. Il suo obiettivo ora è distruggere tutte le conquiste dei kurdi tanto nel Kurdistan sud quanto nel Kurdistan ovest. Qualora non ci riuscisse, si intende mettere sotto assedio i territori kurdi e soffocarli. Lo Stato turco continua a fare la sua politica epocale contro i kurdi e il Kurdistan, con l’obiettivo di privare i kurdi dei loro diritti ancora una volta. La politica attuale dello stato turco contro i kurdi è quella della guerra a tutto campo, della distruzione e dell’occupazione.

Erdogan ha lanciato l’ultima aggressi

one nella regione kurda della Turchia
Il governo di Erdogan ha rotto i negoziati di pace e ripreso l’aggressione militare a Bakur (la regione della kurda della Turchia). Ha sferrato un’ondata di repressione a atrocità brutale, compreso l’assedio di decine di città, provocando la morte di migliaia di persone, migliaia di sfollati, la detenzione incostituzionale di popoli locali e parlamentari kurdi democraticamente eletti, l ‘ arresto di migliaia di attivisti.

Il bombardamento e l’invasione allo stato turco su Africa del Nord della Siria
L’aggressione militare è stata spostata al limite del confine, in territorio siriano. Lo stato turco ha illegalmente bombardato ed occupato Afrin, una regione una nazione che è stata un’oasi di pace in un paese lacerato dalla guerra, un luogo di rifugio, una roccaforte del progetto democratico confederale. Questa invasione criminale ha effetti speciali di morti e nuove ondate di migrazione massiva. Più allarmante ancora, tutto indica che ci sono piani di una pulizia etnica su vasta scala contro i kurdi.

La potenziale invasione del territorio kurdo iracheno da parte dello Stato turco
Recentemente, l’assalto genocida contro i kurdi in Turchia e Siria ha registrato una nuova escalation, con bombardamenti aere. Si stanno moltiplicando i segnali di una imminente invasione su larga scala del territorio kurdo iracheno, nel tentativo di circondare e strangolare ulteriormente l’unico spazio di libertà nella regione.

Fermare l’invasione della Turchia e sostenere la lotta per la libertà del Kurdistan
L’eroica resistenza di Kobane contro le bande dell’ISIS è stata una storica pietra miliare. Ha portato all’attenzione del mondo la tenace volontà del Movimento Kurdo per la Libertà di lottare per il suo progetto confederale democratico, che rappresenta l’unica alternativa viabile alla continua spirale di violenza e tirannia di cui è preda il Medio Oriente. Lo Stato turco ha risposto con furia all’espandersi della fiamma democratico-confederale. Dopo Kobane ha completamente isolato il grandemente rispettato leader del Movimento Kurdo per la Libertà, Abdullah Öcalan, rinchiuso in condizioni carcerarie inumane ormai da quasi vent’anni. Deliberatamente silenziare Öcalan dal marzo 2015, è stato il cruciale primo passo dello Stato turco nella sua dichiarazione di guerra a tutto campo contro i kurdi.

Rompere il silenzio sull’invasione turca del Kurdistan
La Russia ha aperto lo spazio aereo siriano all’aviazione turca, consentendo così l’invasione di Afrin. Le potenze dominanti internazionali (USA e UE) sono rimaste in silenzio. Un simile silenzio si sta registrando nei confronti degli attacchi contro il Kurdistan Sud. La complicità internazionale rende i kurdi vulnerabili a massacri in ogni parte del Kurdistan.

Chiediamo ai governi e alleanze internazionali (UN, NATO, UE, Lega Araba) così come ai popoli democratici del mondo, di respingere l’aggressione turca.
Chiediamo a tutti i partiti politici, organizzazioni di diritti umani, sindacati, attivisti e istituzioni internazionali, di sostenere la lotta per la libertà del Kurdistan. Fermiamo l’invasione turca e sosteniamo la lotta per la libertà del Kurdistan.
Per questo, dichiariamo il 26 maggio 2018 Giornata Globale d’Azione contro l’invasione turca di Rojava (Siria del Nord) e Basur (Nord Iraq).

Primi firmatari:
#DefendAfrin Platform; Prof. Kariane Westrheim chairperson EU Turkey Civic Commission, Professor at the University of Bergen. Former Rafto Board Member; Rev, Fr. Joe Ryan, Chair of the Westminster Justice and Peace Commission (UK); Thomas Jeff Miley Lecturer of Political Sociology, Cambridge University (USA); Federico Venturini School of Geography, University of Leeds (Italy); Ulla Sandbæk, Council of Europe Parliamentary Assembly Member, Group of the Unified European Left; Miren Gorrotxategi Azurmendi, Senadora de Unidos Podemos por Bizkaia; Estella Schmid, Campaign Against Criminalising Communities (CAMPACC; The European Kurdish Democratic Societies Congress (KCDK-E); EU Turkey Civic Commission (EUTCC); Peace in Kurdistan -UK; Kurdistan National Kongress (KNK); Rete Kurdistan Italia; UDI-UNIONE DONNE in Italia; L’Altra Europa con Tsipras; Vittorio Agnoletto, MD, former MEP; Livio Pepino, Magistrato, già consigliere Corte di Cassazione e componente Consiglio superiore della magistratura, Italia; Simone Oggionni, Coordinamento Nazionale Arricolo UNO-MDP; Francesco Sticchi, Ricercatore; Federica Giardini, Prof Università RomaTre; Vittoria Tola, Unione Donne in Italia; Laura Corradi, Researcher Università della Calabria; Dott. Giustina Selvelli, ricercatrice post-doc (Università di Novi Sad, Serbia); Giuliana Barbieri, Donatella Perfetti,
per le adesioni entro il 15 maggio email: info@uikionlus.com

  • Privacy

    Privacy Policy

    Informativa Cookie

  • Calendario eventi

    August  2018
    Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
       
      1 2 3 4 5
    6 7 8 9 10 11 12
    13 14 15 16 17 18 19
    20 21 22 23 24 25 26
    27 28 29 30 31  
  • 5×1000 ALLE DONNE AFGHANE

    Destina il 5x1000 alle donne afghane attraverso il CISDA CF: 97381410154
  • Categorie

  • Menu di accesso