OSSERVATORIO AFGHANISTAN

Dalla parte di chi non ha voce



Herat: parla una madre che non ha “altra scelta” se non quella di vendere la figlia di 6 anni

|

Posted on | November 23, 2018

CNN, 22/11/2018 di Nick Paton Walsh and Masoud Popalzai (dal sito di RAWA)

Herat. Una siccità senza precedenti in Afghanistan ha portato le famiglie a vendere i loro figli solo per poter nutrire le loro famiglie.

La CNN ha parlato con diverse famiglie nella città occidentale di Herat, costrette a lasciare le proprie case a causa di un periodo di siccità che, secondo le Nazioni Unite, nel 2018 ha costretto più persone a lasciare le proprie case che non la violenza senza pari che affligge il paese.

L’ONU stima che oltre 275.000 persone siano state sfollate a causa della siccità, 84.000 nella stessa città di Herat e 182.000 nella regione di Badghis. 

Quattro anni senza piogge hanno devastato l’agricoltura della regione, e persino il raccolto di oppio è diminuito di un terzo quest’anno, nonostante i risultati record del 2017. Le condizioni meteorologiche estreme stanno causando preoccupazioni sul fatto che il cambiamento climatico globale sta avendo un forte impatto sul paese più fragile del mondo, dove decenni di guerra hanno polverizzato l’economia e la società.

Fuori da Herat, in un campo profughi, un cameraman della CNN incontra Mamareen, che ha perso il marito per la guerra, la sua casa per il clima e ora sua figlia per l’urgente bisogno di dar da mangiare agli altri suoi figli. Akila, 6 anni, è ora vittima dell’economia perversa di questa tendopoli, in possesso di un’altra famiglia. Mamareen ha venduto Akila per $ 3.000 a Najmuddin, che l’ha promessa a suo figlio di 10 anni, Sher Agha.

“Sono fuggito dal mio villaggio con i miei tre figli a causa della grave siccità”, dice. “Sono venuto qui pensando di ricevere assistenza, ma non ho ottenuto nulla. Per evitare la fame tra i miei figli, ho dato mia figlia chiedendo a un uomo circa $ 3.000, ma ho ottenuto solo $ 70. Non avevo soldi, niente cibo e nessun capofamiglia – anche mio marito è stato ucciso. “

Alla domanda se Akila conosceva il suo destino, lei ha risposto: “Non sa che l’ho venduta, come avrebbe potuto? È una bambina, ma non ho avuto altra scelta. Sia tra le lacrime che le risate, dovrà andare Chi venderebbe un pezzo del suo cuore a meno che non lo debba fare per forza? “

Questo non è un caso isolato. Un uomo che si è rifiutato di dare il suo nome discutendo della vendita della figlia di 4 anni ha detto: “Non avevo altra scelta, non avevo soldi e nessuna fonte di reddito. L’uomo è venuto qui e mi ha dato due opzioni: o rifonderlo o dargli la mia figlia. Ho scelto la seconda “.

  • Privacy

    Privacy Policy

    Informativa Cookie

  • Calendario eventi

    December  2018
    Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
       
      1 2
    3 4 5 6 7 8 9
    10 11 12 13 14 15 16
    17 18 19 20 21 22 23
    24 25 26 27 28 29 30
    31  
  • 5×1000 ALLE DONNE AFGHANE

    Destina il 5x1000 alle donne afghane attraverso il CISDA CF: 97381410154
  • Categorie

  • Menu di accesso