OSSERVATORIO AFGHANISTAN

Dalla parte di chi non ha voce



250.000 persone forzate a fuggire dall’Afghanistan per la terribile siccità.

|

Posted on | December 14, 2018

Rawanews Associated Press 7 dicembre 2018

HERAT: Il coltivatore di grano e oppio Murad Khan Ishaqzai, 80 anni, non ha mai visto una siccità cosi grave ed estesa in tutta la zona occidentale dell’Afghanistan dove più di 250.000persone sono state costrette ad abbandonare le loro abitazioni.

Dopo che tutto il suo raccolto si era seccato all’inizio di quest’anno, Ishaqzai ha affittato un camion ed ha trasportato la sua famiglia a centinaia di chilometri di distanza, attraverso una zona infestata dai talebani, nella provincia di Herat.

Là,lui e la sua famiglia composta di sette persone, hanno trovato rifugio in uno squallido campo profughi  nella sassosa periferia della capitale provinciale dove le agenzie di aiuti umanitari stanno combattendo per venire incontro alla richiesta di cibo, rifugio e sanità.

“Le fattorie sono state distrutte, le nostre greggi sono morte e abbiamo lasciato i nostri asini nel deserto, perché non potevamo più nutrirli,” ha detto Ishaqzai, con la faccia segnata dalle intemperie e dal lavoro all’aperto.

Era solo la seconda volta nella sua vita che la siccità lo aveva costretto a lasciare la sua terra.

Ma con l’Afghanistan considerato uno dei paesi più vulnerabili dai cambiamenti climatici, questa può non essere l’ultima volta.

“E’ la peggiore siccità che abbia mai visto” ha detto Ishaqzi in agosto.

“Avevamo un buon raccolto di oppio e grano e lo abbiamo perso tutto. La terra si è prosciugata e non abbiamo avuto più niente da mangiare.”

Le Nazioni Unite in ottobre avevano lanciato l’allarme  che almeno tre milioni di persone avevano bisogno “urgente” di cibo a causa della siccità principalmente nelle regioni a nord e a ovest dell’Afghanistan, e che avrebbero dovuto affrontare la carestia se non ricevevano aiuto.

Le Nazioni Unite guidano gli sforzi internazionali per raggiungere 2.5 milioni di persone dei 3 milioni che hanno bisogno di cibo per la metà di dicembre.

Le condizioni sono miserabili nei campi dove le famiglie sono sfollate per la siccità ora che la temperatura scende in tutto il paese.

Ishaqzi è relativamente fortunato. Lui e la sua famiglia hanno una tenda fornita da un’associazione d’assistenza internazionale. Altri stanno vivendo in tende pietosamente improvvisate che non offrono protezione contro il freddo e la pioggia.

Ishaqzi, la cui salute sta peggiorando, vuole tornare a casa.

“Potete vedere che la mia vita sta volgendo alla fine,” ha detto.

“Se avessi potuto rimanere là, (a Badghis) non sarei mai venuto via anche se mi avreste dato tutta la città di Herat.”

  • Privacy

    Privacy Policy

    Informativa Cookie

  • Calendario eventi

    January  2019
    Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
       
      1 2 3 4 5 6
    7 8 9 10 11 12 13
    14 15 16 17 18 19 20
    21 22 23 24 25 26 27
    28 29 30 31  
  • 5×1000 ALLE DONNE AFGHANE

    Destina il 5x1000 alle donne afghane attraverso il CISDA CF: 97381410154
  • Categorie

  • Menu di accesso