OSSERVATORIO AFGHANISTAN

Dalla parte di chi non ha voce



La politica carceraria dello stato turco: 437 prigioni, 260.000 detenuti

|

Posted on | December 2, 2018

Tratto da Uikionlus, 30 novembre 2018

Oltre alle attuali 384 prigioni in Kurdistan e Turchia, sono in costruzione 53 nuove prigioni. Il numero di arrestati e detenuti ha raggiunto le 260.000 unità, compresi almeno 1500 detenuti malati. Le politiche carcerarie dello stato turco causano violazioni più gravi dei diritti ogni giorno che passa, pur continuando a costituire un problema sociale e politico. Soprattutto in termini di prigionieri politici, le prigioni in Kurdistan e in Turchia non sono altro che centri di tortura. Fino ad oggi tutti i governi hanno cercato di approfondire la questione, di non risolvere nulla. I metodi sono diventati “più ricchi” durante i governi dell’AKP.

Perquisizioni, intense azioni disciplinari , esili, torture, maltrattamenti, isolamento, trattamento indegno dei visitatori e pratiche simili, sono le più importanti tra le politiche di intimidazione contro le prigioni dell’AKP.

53 nuove carceri
Molti stati cercano modi per migliorare la qualità della vita della propria gente, mentre lo stato turco promette alle persone nuove prigioni. Sono stati completati progetti per 18 carceri per un totale di 2.269.924 metri quadrati. Secondo la pianificazione 2018 del Ministero della giustizia , verranno costruite 53 nuove prigioni con una superficie totale di 4.115.558 metri quadrati.
Ciò aggiungerà altre 53 prigioni al numero di carceri da 291 prigioni chiuse, 70 prigioni libere indipendenti, 3 strutture penali giovanili, 8 prigioni chiuse per donne, 5 prigioni aperte per donne e 7 prigioni chiuse per minori, per un totale di 384.

Carceri con un concetto di isolamento
Queste nuove prigioni in costruzione sono significative in quanto sono state costruite in conformità con la politica di isolamento che è iniziata con l’arresto e l’incarcerazione del leader del popolo curdo Abdullah Öcalan nella prigione dell’Isola di Imrali con il complotto internazionale del 15 febbraio. Ci sono offerte quasi ogni giorno nelle carceri, che continuano ad essere costruite come prigioni di tipo E, di tipo L, di tipo F, sicure e ad alta sicurezza.Ci sono offerte quasi ogni giorno nelle carceri, che continuano ad essere costruite come prigioni di tipo E, di tipo L, di tipo F, sicure e ad alta sicurezza.
Le statistiche elaborate dal Consiglio d’Europa e dall’Università di Losanna che mostrano lo stato delle carceri europee cita Bulgaria, Turchia, Cecenia, Serbia e Danimarca come paesi la cui popolazione carceraria è aumentata di più, con il 10,8%, 9,5%, 7,6%, 6,6% e 5,5% rispettivamente. Queste carceri costruite come campus comprendono ospedali e tribunali, il che significa che i detenuti non lasceranno mai il luogo del carcere nemmeno per queste situazioni. Questo mostra una generalizzazione della pratica dell’isolamento.

Crescente numero di prigionieri
Il numero di detenuti è salito a 260.000 con i governi dell’AKP, e si prevede che salga a 800.000 con i campus appena aperti o che presto apriranno. Basato sulla popolazione del Kurdistan e della Turchia, ciò significa che 1 cittadino su 100 sarà in carcere. Quando l’AKP è salito al potere, il 31 dicembre 2002 c’erano un totale di 59.429 persone in carcere. Nei 16 anni successivi il numero è quadruplicato. A partire dal 15 maggio 2018, ci sono 246.416 detenuti nelle carceri, con 66.902 di loro in custodia cautelare, 28.488 in attesa di ricorsi e 151.026 condannati.
L’aumento del 315% del numero di detenuti è un record nella storia delle carceri turche. Il rapporto più recente pubblicato dalla società civile dell’Associazione del Sistema Penale(CISST) mostra che il numero di detenuti è salito tra il 2015 e il 2015 da 55.000 a 176.000 e che il numero è oggi è superiore a 260.000.

1500 detenuti malati compresi 402 in condizioni critiche
402 detenuti malati su oltre 1.500 detenuti sono in condizioni critiche. L’approccio dello stato turco nei confronti dei prigionieri ammalati è stato visto di recente nei casi di Kocer Ozdal e Celal Seker, che hanno ricevuto rapporti dall’Istituto di medicina legale che hanno affermato che non ci sono impedimenti alle loro visite agli ospedali e che possono rimanere in carcere, essenzialmente sono stati lasciati morire, ed entrambi hanno perso la vita poco dopo.
Il presidente dell’Associazione dei diritti umani (IHD) responsabile ai diritti umani Abdullah Zeytun ha parlato all’ANF della vita nelle carceri che è diventata esponenzialmente più difficile durante i governi dell’AKP e ha fornito informazioni sui detenuti malati,sulla violazioni dei diritti durante gli esili e le torture sistemiche.

Tortura e maltrattamenti
L’avvocato Zeytun ha affermato che le politiche e le politiche e finanziarie in Turchia hanno causato disuguaglianze politiche e sociali, il che ha portato a un numero esagerato di arresti criminali e politici nel sistema penale: “Ovviamente c’è sempre stata la realtà delle prigioni dove detenuti politici e altri hanno subito molte violazioni sistemiche e queste violazioni continuano. Vediamo vari tipi di torture e maltrattamenti in quasi tutte le carceri. L’imposizione di stare sull’attenti durante la conta, le pene dell’isolamento per le indagini disciplinari, i divieti di visita, la privazione dell’accesso medico e gli esili sono alcune delle cose che incontriamo. L’attuale atmosfera politica in Turchia si manifesta con la durezza nei confronti di arrestati e detenuti. Vediamo un atteggiamento speciale contro i detenuti politici in molte prigioni, a cominciare da Elazig, Tarso e Patnos”.

Torture dei guardiani
Zeytun ha parlato dei rapporti che hanno preparato sulla tortura e i maltrattamenti nelle carceri: “Ad esempio, nella prigione Elazig, qualsiasi prigioniero che si oppone a qualsiasi pratica da parte dell’amministrazione passa prima attraverso un’indagine disciplinare. Dopo di ciò, il prigioniero che critica la prigione può essere sottoposto a tortura da parte dei guardiani. Lo abbiamo determinato attraverso gli appelli dei prigionieri nella prigione di Elazig n. 2 e dalle nostre stesse osservazioni. Un altro esempio di maltrattamento è che i prigionieri vengono ammanettati mentre si recano all’ospedale, o le famiglie in visita vengono sottoposte a perquisizioni. La nostra missione d’ispezione per tali pratiche viene impedita in tutte le carceri “.

Visitatori torturati
Zeytun ha affermato che le famiglie e i detenuti vengono puniti con le politiche dell’esilio: “In questo momento, migliaia di famiglie nelle province curde hanno bambini nelle carceri della Turchia occidentale e nella regione settentrionale del Mar Nero. Possono visitare i loro figli solo una volta ogni pochi mesi. Dopo che sono andati a trovare i loro parenti, vengono e fanno ricorso con noi per i maltrattamenti a cui sono stati sottoposti, e lo vediamo ripetere ogni volta.
Ad esempio, metà della visita di un’ora va alle perquisizioni dei guardiani. Nei restanti 30 minuti, vi è una costante sorveglianza da parte dei guardiani, che partecipano e possono intervenire e interrompere le visite private. Quando le famiglie si oppongono alle gravi torture e maltrattamenti contro il detenuto, sono sottoposte a torture e maltrattamenti simili, come dichiarato nei loro ricorsi con noi. Tutti questo viene usato come tattica intimidatoria sia per i detenuti che le loro famiglie”.

Molti detenuti malati perdono la loro vita
“Per quanto abbiamo potuto determinare, ci sono oltre 1.500 detenuti malati in carcere con 402 di loro in condizioni critiche”, ha affermato Zeytun e ha aggiunto: “Certo, crediamo che il numero effettivo sia molto più alto. Molti prigionieri malati hanno perso la vita nelle carceri, come Kocer Ozdal e Celal Seker, a causa della struttura sia dell’Esecution Act che dell’Istituto di medicina legale quando si tratta di prigionieri malati in Turchia.
Abbiamo fatto appelli innumerevoli volte affinché i detenuti malati ricevano un trattamento in conformità con l’Articolo 16 del Decreto, ma sono stati tutti respinti in seguito alle segnalazioni dei tribunali e alle relazioni dell’Istituto di medicina legale che i prigionieri sono “idonei al carcere”. I prigionieri sono stati lasciati morti. Consideriamo senza dubbio ognuno di questi omicidio”.

  • Privacy

    Privacy Policy

    Informativa Cookie

  • Calendario eventi

    December  2018
    Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
       
      1 2
    3 4 5 6 7 8 9
    10 11 12 13 14 15 16
    17 18 19 20 21 22 23
    24 25 26 27 28 29 30
    31  
  • 5×1000 ALLE DONNE AFGHANE

    Destina il 5x1000 alle donne afghane attraverso il CISDA CF: 97381410154
  • Categorie

  • Menu di accesso