OSSERVATORIO AFGHANISTAN

Dalla parte di chi non ha voce



Nome in codice 002 (Per proteggere l’identità delle vittime HAWCA usa codici invece dei nomi).

Posted on | November 6, 2017 code_003

HAWCA NEWS 4 novembre 2017
Nell’ambito della campagna raccolta fondi per il progetto  “Assistenza Legale per donne vittime di violenza” ecco una storia pubblicata sul sito di HAWCA.

Mi chiamo Saniya e vi dico che la violenza è di casa

Posted on | September 28, 2017 da-cisda-1024x682

Cospe.org settembre 2017 Babel online la rivista
Testimonianza raccolta dalle operatrici di Hawca (Humanitarian Assistance for the Women and Children of Afghanistan) nella “Casa protetta” che gestiscono a Kabul. Saniya è una delle 20 donne che hanno beneficiato del progetto “Vite Preziose” nato nel 2011 dalla collaborazione tra la ong di donne afgane Hawca, il quotidiano L’Unità e il Cisda (Coordinamento Italiano Sostegno Donne Afghane) e che prevede il sostegno a distanza di donne e bambine afgane vittime di violenza.

La costruzione del villaggio JINWAR

Posted on | September 27, 2017 IMG_1278_klein-2000x1200

Jinwar.org Newsletter 1 settembre 2017
L’idea di un villaggio di donne in Rojava è nata diversi anni fa, e ha origine dalla lunga storia, spesso nascosta, di società, spazi e utopie centrate sulle donne. E’ un’idea stimolata anche da Abdullah Ocalan che ha espresso il desiderio che le donne creassero una propria città. Costruire un villaggio nostro non significa per noi soltanto vivere insieme, ma piuttosto creare un modo di vita, lavoro e interazione diverso. La storia, l’idea di Abdullah Ocalan e la volontà di molte donne di realizzare insieme un modello di vita comunitario ed ecologico ci ha portato alla creazione di Jinwar – il primo villaggio di donne nel Medio oriente. Con la costruzione del villaggio vogliamo sfidare la logica distruttiva delle guerre che stanno delineando l’assetto del Medio oriente e vogliamo dimostrare che è possibile vivere in modo diverso.

Kurdistan, le conseguenze del sogno referendario

Posted on | September 26, 2017 al seggio

Enrico Campofreda 26 settembre 2017 dal suo Blog
I dati ufficiosi del referendum sull’agognata indipendenza in Kurdistan sono che ha votato il 78% degli aventi diritto e il sì supera il 93%. I dati ufficiali saranno noti entro giovedì. Le telecamere di numerose emittenti accorse a Erbil mostrano gente gioiosa che celebra un giorno considerato storico, seppure potrebbe risultare l’anticamera d’una deriva anche pericolosa.

I curdi votano sull’indipendenza

Posted on | September 26, 2017 referendumkurd-2-599x275

Nick Brauns 25 settembre 2017 Uikionlus.com
Referendum sulla sovranità nazionale nell’Iraq del nord. I Paesi vicini chiudono i confini. I governi di Iraq, Turchia e Iran hanno annunciato »misure coordinate« contro Erbil. Il vice-Primo Ministro irakeno e Presidente del partito sciita ¬Dawa, Nuri Al-Maliki, ha definito il referendum una »dichiarazione di guerra contro l’unità del popolo dell’Iraq«. Il Parlamenta a Bagdad lunedì ha decido di chiudere i confini esterni della Regione Autonoma del Kurdistan.

GIALLO FIDUCIA

Posted on | July 22, 2017 immagine1

Costa Fundation Elide 10 maggio 2017
Crediamo che l’unica via verso un mondo migliore, sia l’educazione. Per una donna in Afghanistan l’educazione può rimanere un miraggio anche una vita intera, non se ne parla neanche di una professione o di un’autonomia economica.
Dal 2017 siamo a fianco delle donne di RAWA – Revolutionary Association of the Women of Afghanistan – in Afghanistan, dove, grazie al prezioso aiuto di grandi amici, siamo riusciti ad avviare un progetto pilota di coltivazione di zafferano al femminile.

keep looking »
  • Calendario eventi

    December  2017
    Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
       
      1 2 3
    4 5 6 7 8 9 10
    11 12 13 14 15 16 17
    18 19 20 21 22 23 24
    25 26 27 28 29 30 31
  • 5×1000 ALLE DONNE AFGHANE

    Destina il 5x1000 alle donne afghane attraverso il CISDA CF: 97381410154
  • Categorie

  • Menu di accesso