OSSERVATORIO AFGHANISTAN

Dalla parte di chi non ha voce



Ennesima strage a Kabul ma per l’UE l’Afghanistan è un “paese sicuro”

Posted on | June 13, 2017 800px-Kabul_Downtown

di Stefano Galieni, Associazione Diritti e Frontiere-ADIF

Nell’attentato a Kabul ci sono stati oltre 80 morti e centinaia di feriti. È avvenuto in una delle zone centrali della città, di quelle ritenute più sicure, dove sono situate ambasciate e palazzi governativi. Da Kabul ogni tanto riesce a scriverci una nostra amica, una delle tante donne che non ha paura e cercando sui social abbiamo saputo che si trovava nei pressi del luogo in cui un camion bomba è esploso

Share on Facebook

Accanto al popolo afghano

Posted on | June 10, 2017 afgh-2-109469_210x210

Stefano Galieni. rifondazione.it 1 giugno 2017
Gli 80 morti nel centro di Kabul non sono un evento da considerare “normale”.
Eppure il fatto che alcuni paesi europei come la Germania, l’Olanda e a breve, temiamo, anche l’Italia considerino l’Afghanistan un “paese sicuro” in cui poter rimpatriare coloro che chiedono asilo dovrebbe farci fermare un momento.
L’Afghanistan continua oggi ad essere paese da cui si fugge, per una guerra mai terminata da quasi 40 anni, per l’occupazione militare occidentale da una parte e quella delle milizie talebane dall’altra, per assenza di prospettive di vita decente.
Raccontava Malalai Joya che coloro che tornano “rimpatriati a forza” rischiano doppiamente. A chi le chiedeva se l’ISIS stesse divenendo un problema anche in Afghanistan ha risposto semplicemente:«Oggi l’Isis non è un grosso fenomeno. A comandarla sono ex talebani: cambia solo il nome e la bandiera. Ma attenzione: gli afghani che state rimpatriando in massa dall’Europa finiranno vittime della droga oppure arruolati dall’Isis e altri gruppi a 600 dollari al mese».

Share on Facebook

“Doveva finire male, è finita peggio”

Posted on | June 5, 2017 0adc38a5-2c22-4e6e-f6cd-ea09eed402c6

NIcola Carella Dinamopress 5 giugno 2017
Deportati dall’Europa in un paese in guerra ma dichiarato “sicuro”, usati come carne da cannone nella guerra contro Isis: i rifugiati afghani che le cancellerie europee non vogliono. Inchiesta sulle pericolose connessioni Berlino-Kabul-Teheran.

Share on Facebook

Afghanistan: oltre 100mila sfollati da inizio anno.

Posted on | June 1, 2017

Dazerba News, 29 maggio 2017 KABUL – In Afghanistan il conflitto che si trascina da anni continua a mettere in fuga la popolazione. Da inizio anno, secondo l’Onu, sono più di 100mila gli afghani che sono stati costretti ad abbandonare le proprie case. Secondo l’Ufficio per il coordinamento degli Affari umanitari delle Nazioni Unite (Ocha) […]

Share on Facebook

NGO: Stop alle deportazioni in Afghanistan delle famiglie richiedenti asilo “Le condizioni di sicurezza in Afghanistan sono peggiorate”, ha dichiarato il portavoce di Amnesty International Horia Mosadiq.

Posted on | April 26, 2017

+31MAG.nl, 24 aprile 2017. Otto organizzazioni per i diritti umani, tra cui Unicef ​​e Amnesty International, hanno chiamato in causa i Paesi Bassi per smettere di deportare le famiglie con bambini piccoli in Afghanistan. La situazione nel paese è instabile e non sicura per le famiglie. “Le condizioni di sicurezza in Afghanistan sono peggiorate”, ha […]

Share on Facebook

L’Afghanistan di una ragazza che ama la libertà

Posted on | April 9, 2017 kabul2f011

Reportage di Pierfrancesco Curzi, Il Manifesto
Le pecore in cerchio, il lupo nel mezzo. Lo scopo del gioco è nelle mani del predatore, cattivo solo nella trasposizione della malvagità assoluta al cospetto della pecora, vittima sacrificale e creatura indifesa.

Share on Facebook
keep looking »
  • Calendario eventi

    June  2017
    Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
       
      1 2 3 4
    5 6 7 8 9 10 11
    12 13 14 15 16 17 18
    19 20 21 22 23 24 25
    26 27 28 29 30  
  • 5×1000 ALLE DONNE AFGHANE

    Destina il 5x1000 alle donne afghane attraverso il CISDA CF: 97381410154
  • Categorie

  • Menu di accesso