OSSERVATORIO AFGHANISTAN

Dalla parte di chi non ha voce



Il Pentagono ha cercato di bloccare un rapporto indipendente sugli abusi sessuali su minori commessi dalle forze armate afghane, così afferma il Senato.

Posted on | December 26, 2017

Alex Horton  Washingtonpost.com 28 novembre 2017
Secondo un aiutante del Senatore Patrick Leahy (D-Vt.) il Pentagono ha cercato di bloccare un rapporto indipendente sugli abusi sessuali su minori commessi dalle forze armate afghane e dalla polizia, insistendo invece su una propria relazione che offriva una minore rilevanza degli abusi su minori perpetrati dagli alleati degli Stati Uniti.

Hamoon Health Center di Farah – Relazione sull’attività nel 2017

Posted on | December 10, 2017

7 dicembre 2017 L’Hamoon Health Center è un progetto realizzato a Farah dal 2010 da OPAWC (Organizzazione per la promozione delle capacità delle donne afghane). Ormai da diversi anni il progetto è sostenuto dal CISDA e da finanziatori privati. L’ospedale Hamoon fornisce cure gratuite e medicina a persone che non sono in grado di procurarsele. […]

Quelle vittime che sorridono

Posted on | June 29, 2017 saviano foto

espresso.repubblica.it, Roberto Saviano, 26/6/2017
Proviamo dolore per le immagini di chi è morto negli attentati. Ma niente sappiamo e vediamo dei bambini massacrati a Kabul

Bambini malnutriti sono in aumento nella provincia afghana.

Posted on | May 3, 2017 yezidi-630x325-599x275

Mohammad Ibrahim Spesalai 28 aprile 2017 Rawanews

La malnutrizione è un problema che riguarda larga parte dell’Afghanistan. Un recente rapporto delle Nazioni Unite riporta che 1.8 milioni di persone hanno bisogno di assistenza per le condizioni in cui versano, inclusi 1.3 milioni di bambini sotto i 5 anni. Comunque, nel settembre 2016 in tutto il paese solo 250.000 bambini hanno ricevuto un trattamento sanitario.

Video: Il coraggio della musica. L’orchesta femminile di Kabul

Posted on | March 31, 2017 AfcecoDavos

Sabrina Scampini e Danilo Bianchi Rainwes.it 31 marzo 2017
A Kabul è nata una orchestra tutta femminile che sta ottenendo riconoscimenti a livello internazionale.

In Afghanistan bisogna rompere il silenzio sui bambini ridotti in schiavitù

Posted on | March 30, 2017 135604-md

Anuj Chopra, Afp, Francia Internazionale 30 marzo 2017
Nell’estate del 2016, avevo scritto come i taliban usassero i piccoli schiavi sessuali come cavalli di Troia per uccidere i loro molestatori tra le forze di polizia, una pratica che rende i bambini due volte vittime delle fazioni in guerra in Afghanistan. Alcuni hanno chiesto la fine della pratica istituzionalizzata del bacha bazi, la riduzione alla schiavitù sessuale di ragazzini compiuta dalle forze afgane.
Del tutto assenti dal dibattito erano le condizioni dei bambini ridotti in schiavitù e delle loro famiglie, nonché gli sforzi ufficiali – o piuttosto la loro mancanza – compiuti per salvarli. La priorità era il conflitto che andava peggiorando, gli abusi sui minori avrebbero dovuto attendere. Nella maggior parte dei casi i ragazzini vengono prelevati alla luce del sole dalle loro case, dalle fabbriche di oppio o dai posti in cui giocano. A rapire i ragazzi sono gli stessi potenti comandanti di polizia che dovrebbero punire i colpevoli.

keep looking »
  • Calendario eventi

    January  2018
    Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
       
    1 2 3 4 5 6 7
    8 9 10 11 12 13 14
    15 16 17 18 19 20 21
    22 23 24 25 26 27 28
    29 30 31  
  • 5×1000 ALLE DONNE AFGHANE

    Destina il 5x1000 alle donne afghane attraverso il CISDA CF: 97381410154
  • Categorie

  • Menu di accesso