OSSERVATORIO AFGHANISTAN

Dalla parte di chi non ha voce



Ibrahim Abed, il comico afghano che se la ride della morte (e della censura)

Posted on | November 8, 2018

Bianca Senatore linkiesta.it 8 novembre 2018
In Afghanistan la censura è ancora forte, ma il comico Ibrahim Abed, dalla sua trasmissione “Shabake Khanda” tiene incollati tutti ai televisori con i suoi sketch grotteschi sui mali del paese: dalla violenza ai rapimenti, dalla corruzione del governo al traffico di armi fino alla bigamia. Dopo il ritiro delle truppe internazionali nel 2014  la macchina della censura è diventata feroce: parole vietate, situazioni da non raccontare, luoghi inaccessibili perfino a giornalisti con l’accredito governativo.

Il bavaglio ai giornalisti afgani

Posted on | April 26, 2012

Giuliana Sgrena, Globalist Syndication, 18 aprile 2012
200 giornali, 44 stazioni televisive e 141 radio non hanno determinato alcun reale progresso nella libertà di espressione in Afghanistan[…]

  • Privacy

    Privacy Policy

    Informativa Cookie

  • Calendario eventi

    November  2018
    Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
       
      1 2 3 4
    5 6 7 8 9 10 11
    12 13 14 15 16 17 18
    19 20 21 22 23 24 25
    26 27 28 29 30  
  • 5×1000 ALLE DONNE AFGHANE

    Destina il 5x1000 alle donne afghane attraverso il CISDA CF: 97381410154
  • Categorie

  • Menu di accesso