OSSERVATORIO AFGHANISTAN

Dalla parte di chi non ha voce



Berlino-Kabul, rimpatrio fatale

Posted on | July 13, 2018

Non conosciamo tuttora il nome del migrante respinto che ha deciso di farla finita appena ricondotto a Kabul. Si sa che era un ventitreenne e da otto viveva in Germania. Su di lui e altri 68 rifugiati in terra tedesca era calata la mannaia del ministro di ferro Seehofer, un Salvini teutonico che odia gli stranieri disagiati e sul tema tiene sotto scacco la cancelliera Merkel.

Il silenzio assordante sul massacro dei curdi.

Posted on | April 17, 2018

Left, 29 marzo 2018, di Marco Rovelli Fin dove arriva l’estensione dell’impunità? Fin dove ci si può spingere nel massacro e nel disprezzo del diritto? Fin dove si può farlo nella più totale indifferenza della comunità internazionale e dei media? Erdogan ci sta mostrando sul campo che questi confini sono assai estensibili. Quella porzione di […]

Report-14.Conferenza Internazionale su “Europa, Turchia, Medio Oriente e Kurdi” : Alternativa Democratica alle dittature e al Kaos del M.O.- Visione Kurda e strategie-

Posted on | December 19, 2017

di Simonetta Crisci, da UIKI, 10 Dicembre 2017
Nelle giornate del 6 e 7 dicembre si è svolta, a Bruxelles nella sede del Parlamento Europeo, la 14° edizione della Conferenza Internazionale su “Europa, Turchia, Medio Oriente e Kurdi” per una “Alternativa Democratica alle dittature e al Kaos del M.O.- Visione Kurda e strategie-

Il futuro della questione curda dopo la guerra in Siria

Posted on | December 6, 2017

LineaDiretta24, 6 dicembre 2017, di Viola D’Elia Mentre la diplomazia internazionale prepara piani di pace per la Siria dopo la caduta di Raqqa, la questione curda in Medio Oriente continua ad essere largamente ignorata. L’YPG, organizzazione para-militare curda in Siria, è stata una delle forze in prima linea contro la lotta allo Stato Islamico, ma […]

L’Europa non dimentichi Demirtas, baluardo di democrazia nella Turchia di Erdogan

Posted on | December 6, 2017

Huffpost, 5 dicembre 2017, Arturo Scotto Demirtas. Sono finiti i giorni in cui tutte le cancellerie europee facevano a gara per incontrarlo, per conoscere una personalità democratica che stava provando a costruire un’alternativa reale al lungo inverno erdoganiano fattosi regime. Avvocato dei diritti umani, curdo, ambientalista e laico: il leader dell’Hdp oggi è in carcere […]

Minori afghani: Italia, paese di transito preferito?

Posted on | September 24, 2017 Afghan-minors-foto

di Jelena Bjelica e Fabrizio Foschini

Da: AAN (Afghanistan Analysts Network), 6 settembre 2017
Sono oltre 100.000 i minori afghani non accompagnati, che hanno chiesto asilo in Europa tra il 2008 e il 2016, facendo dell’Afghanistan il paese di origine con il maggior numero di rifugiati di questa tipologia. Mentre la Germania e la Svezia hanno ricevuto di gran lunga il maggior numero di domande, l’Italia è diventata una tappa importante nel lungo viaggio verso altre destinazioni europee. La sua importanza come paese di transito è diminuita negli ultimi due anni, ma un piccolo numero di minori bloccati nei Balcani e in Grecia continuano ad arrivare alla spicciolata. Jelena Bjelica e Fabrizio Foschini di AAN (Afghanistan Analysts Network) hanno visitato Roma, Trieste e Gorizia per valutare la situazione dei minori afghani non accompagnati e studiare la nuova legge italiana varata per proteggerli.

keep looking »
  • Privacy

    Privacy Policy

    Informativa Cookie

  • Calendario eventi

    December  2018
    Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
       
      1 2
    3 4 5 6 7 8 9
    10 11 12 13 14 15 16
    17 18 19 20 21 22 23
    24 25 26 27 28 29 30
    31  
  • 5×1000 ALLE DONNE AFGHANE

    Destina il 5x1000 alle donne afghane attraverso il CISDA CF: 97381410154
  • Categorie

  • Menu di accesso