OSSERVATORIO AFGHANISTAN

Dalla parte di chi non ha voce



Afrin

Posted on | February 1, 2018

Giovanni De Mauro Internazionale 1 febbraio 2018
La campagna turca nel nord della Siria non riguarda solo il futuro dei curdi: può trasformare l’intera regione e i rapporti dell’occidente con la Russia.

Abbiamo lottato per la nostra democrazia. Ora la Turchia vuole distruggerla.

Posted on | January 30, 2018

Nujiin Derik (Comandante delle YPJ (Women Protection Unit) ad Afrin, Siria) “The New York Times” 29 gennaio 2018
Io e le mie compagne e compagni delle YPJ (Women Protection Unit) e YPG (People’s Protection Unit) ci siamo battuti per anni con tutte le nostre forze per far sì che lo Stato Islamico rimanesse fuori dalla regione autonoma della Siria conosciuta con il nome di Rojava. Abbiamo tollerato gli attacchi da parte della Turchia ed evitato di rispondere al fuoco anche dopo che erano morti dei civili, per non fornire alcun pretesto per questa invasione.
Ma, nonostante questo, Erdogan ha deciso di far partire attacchi aerei e mandare carri armati e truppe in quest’area, che è stata un’isola di relativa pace nel nostro paese sconvolto dalla guerra.

Solleviamoci per Afrin: difendiamo la Rivoluzione delle donne in Rojava!

Posted on | January 30, 2018

Ufficio Relazioni delle Donne Curde  (REPAK) 29 Gennaio, 2018
Appello e chiamata all’azione e in Difesa della Rivoluzione delle donne in Rojava.
Oggi è il decimo giorno del tentativo dello stato turco di occupare militarmente la città curda di Afrin nel Nord della Siria (Rojava). Dal 20 Gennaio 2018 l’esercito turco e i suoi alleati jihadisti stanno attaccando la regione da terra e con bombardamenti aerei. Non stanno solo prendendo di mira le Unità di Difesa del Popolo e delle Donne YPG e YPJ, che hanno combattuto l’ISIS coraggiosamente e con successo, ma anche coscientemente i civili e i patrimoni culturali. Fino ad oggi secondo le stime ufficiali del Cantone di Afrin sono 60 i civili ad essere stati uccisi e 153 feriti durante gli attacchi.

AEREI DA GUERRA TURCHI BOMBARDANO SITI ARCHEOLOGICI A AFRIN

Posted on | January 29, 2018

Lower Class Magazine 29 gennaio 2018
Dal 20 gennaio 2018 lo Stato turco ha iniziato una guerra di annientamento contro la regione autonoma di Afrin che fa parte della Federazione Democratica Siria del Nord. Da oltre una settimana continuano gli attacchi contro la popolazione. Attraverso bombardamenti mirati e a ampio raggio da parte di aerei da guerra turchi, finora sono stati assassinati oltre 80 civili. Tra loro molti bambini, centinaia di persone sono rimaste ferite. Anche i siti storici Nebi Huri (Cirro) e il tempio di Ain Dara sono diventati bersagli. Quest’ultimo è stato quasi completamente distrutto.

La Turchia avanza sui curdi di Afrin e le grandi potenze osservano.

Posted on | January 23, 2018

Il Foglio, 23 gennaio 2018, di Adriano Sofri Così la guerra al confine infiamma quella fra esercito turco e curdi del Pkk. Fra i nomi che gli aggressori danno alle loro operazioni guerresche quello che la Turchia di Erdogan ha dato all’offensiva contro l’enclave curdo-siriana di Afrin resterà memorabile per impudenza e ovvietà: “Ramo d’olivo”. […]

Tevdem: L’esercito turco mira ai civili in Afrin.

Posted on | January 23, 2018

uikionlus, 22 gennaio 2018 La Turchia è stata estremamente irritata dai successi del Rojava nello sconfiggere lo Stato Islamico dell’Iraq e della Siria (ISIS) e nel realizzare un nuovo sistema basato sulla democrazia diretta, l’uguaglianza di genere, la cooperazione interetnica, il laicismo e la protezione ambientale. Lo stato turco è ben consapevole che la promozione […]

keep looking »
  • Calendario eventi

    February  2018
    Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
       
      1 2 3 4
    5 6 7 8 9 10 11
    12 13 14 15 16 17 18
    19 20 21 22 23 24 25
    26 27 28  
  • 5×1000 ALLE DONNE AFGHANE

    Destina il 5x1000 alle donne afghane attraverso il CISDA CF: 97381410154
  • Categorie

  • Menu di accesso