OSSERVATORIO AFGHANISTAN

Dalla parte di chi non ha voce



AFGHANISTAN. USA E TALEBANI SI INCONTRANO A DOHA PER UNA “RITIRATA ONOREVOLE”.

Posted on | July 29, 2018

Notizie Geopolitiche, di Enrico Oliari, 28 luglio 2018 Tagliato fuori ancora una volta il governo di Kabul. Non ci riuscirono i sovietici a piegare l’Afghanistan, con una guerra che dal 1979 al 1989 è costata da una parte 44mila morti, 80mila dall’atra (Mujaheddin) e quasi 2 milioni di civili uccisi. Non ci sono riusciti oggi […]

Da Jinwar, il villaggio delle donne libere in Rojava vi inviamo molta forza di donne e solidarietà per l’8 marzo!

Posted on | March 8, 2018

Il Comitato di JINWAR – il villaggio delle donne libere in Rojava 8 marzo 2018
Come tutte e tutti qui, in questi giorni siamo ad Afrin con i nostri cuori e le menti. La difesa di Afrin significa anche una difesa dei valori che vogliamo realizzare a Jinwar – la difesa di una vita libera in una società libera, sulla base della liberazione delle donne e delle autodeterminazione condivisa. La convivenza libera e pacifica di persone di diverse etnie e credenze su un terreno comune, l’integrità delle persone e l’integrità della terra.

Le donne di Afrin chiedono alla comunità internazionale di rompere il silenzio sugli attacchi

Posted on | March 7, 2018

Uikionlus 6 marzo 2018
Le organizzazioni delle donne ad Afrin hanno fatto appello a tutte le organizzazioni dei diritti umani, alle istituzioni e alla Nazioni Unite per rompere il silenzio, proteggere l’eredità e la storia delle donne e fermare lo spargimento di sangue e la perdita di vite innocenti.

“Perché i soldati italiani sono ancora in Afghanistan? Nessuno ne parla più, ma lì i morti aumentano”

Posted on | December 16, 2017

Haffingtonpost 16 dicembre 2017
Gino Strada intervistato da Diego Bianchi a #propagandalive (La7) riporta l’attenzione sulla missione italiana in Afghanistan.

Afghanistan, ultima chiamata. Reportage da un paese ancora in guerra

Posted on | March 2, 2017 guerra-afghanistan

Christian Elia MicroMega on line 28 febbraio 2017
Oggi, dopo più di quindici anni, l’Afghanistan è un paese a pezzi, che assiste attonito a un disastro che si mangia il futuro. Hedayat è un chirurgo di guerra, da anni al lavoro nell’ospedale di Emergency a Kabul: “Va sempre peggio, giorno dopo giorno, anno dopo anno. Avevo qualche speranza all’inizio, pensavo che dopo un periodo difficile le cose avrebbero potuto cambiare. Non è accaduto e di speranze non ne ho più…”. Nell’assenza di una qualsiasi strategia globale della comunità internazionale, che per anni ha ignorato la necessità di aprire un tavolo di colloqui al quale non si sarebbe potuto ignorare la componente talebana l’unico elemento che sembra preoccupare i governi europei sono i rifugiati che premono ai confini della Fortezza Europa, in cerca di scampo.

Trump rischia di rimangiare le promesse di politica estera: ecco perché non potrà ignorare l’Afghanistan

Posted on | November 19, 2016

International Business Times, di Andrea Spinelli Barrile, 18/11/2016 Cosa farà il Presidente Donald Trump dell’Afghanistan? Ecco le due possibili opzioni. Noi di IBTimes Italia lo abbiamo scritto chiaramente lo scorso 7 novembre, poche ore prima che chiudessero le urne negli Stati Uniti: la prima grande crisi che nuovo presidente americano, che sarà Donald Trump, dovrà […]

keep looking »
  • Privacy

    Privacy Policy

    Informativa Cookie

  • Calendario eventi

    October  2018
    Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
       
    1 2 3 4 5 6 7
    8 9 10 11 12 13 14
    15 16 17 18 19 20 21
    22 23 24 25 26 27 28
    29 30 31  
  • 5×1000 ALLE DONNE AFGHANE

    Destina il 5x1000 alle donne afghane attraverso il CISDA CF: 97381410154
  • Categorie

  • Menu di accesso