OSSERVATORIO AFGHANISTAN

Dalla parte di chi non ha voce



L’Europa rispedisce gli afghani nel pericolo

|

Posted on | January 6, 2018

 

 

 

 

 

 

 

 

 

di Ruchi Kumar, IRIN, 4 gennaio 2018

In un caffè di Kabul, gli occhi di Mohammad Elham guizzano avanti e indietro tra una fumante tazza di tè e l’ingresso principale: i mesi trascorsi dal suo ritorno in Afghanistan li ha passati in uno stato di costante paura.

Elham ha lasciato l’Afghanistan in una notte fredda del 2010, racconta, dopo che i talebani hanno ucciso sua moglie e due figli. L’anno scorso è tornato nel paese da cui è fuggito – questa volta in manette, uno dei tanti sfollati afghani espulsi dall’Europa.
“E’ stato doloroso e umiliante”, ha detto Elham del suo viaggio dalla Germania, dove la sua domanda di asilo è stata respinta, all’Afghanistan, dove la sua presenza, afferma, potrebbe nuovamente mettere a repentaglio la sicurezza della sua famiglia.
Mentre i paesi europei restringono le frontiere e le politiche di asilo, il numero di richiedenti asilo afghani cacciati dall’Europa è aumentato vertiginosamente. Ma i rimpatriati come Elham sono costretti a tornare in un paese instabile, dove il conflitto ha sradicato più di un milione di persone negli ultimi due anni e le vittime civili sono a livelli quasi record.
Con la guerra, l’economia stagnante e l’ instabilità cronica che continuano a cacciare le persone in massa, chi sostiene i rifugiati avverte che l’Afghanistan è di fronte a un processo circolare di migrazione che vedrà sempre più afghani continuare a fuggire mentre altri saranno costretti a tornare.

Le percentuali di riconoscimenti scendono
Persino i paesi europei considerati relativamente solidali stanno ora voltando le spalle ai richiedenti asilo afghani.
Germania, Svezia e Finlandia hanno visto crollare nel 2017 i tassi di riconoscimento dell’asilo per gli afghani. Secondo il Consiglio europeo per i rifugiati e gli esuli, la Germania ha concesso asilo a meno della metà dei richiedenti afghani durante i primi nove mesi del 2017; nel 2015 aveva accettato quasi i tre quarti delle richieste di asilo.
I paesi europei nel loro insieme hanno deportato nel 2016 quasi 10.000 dei richiedenti asilo afghani respinti – quasi il triplo rispetto all’anno precedente.
Allo stesso tempo, le vittime civili in Afghanistan sono salite, parte di una crescente instabilità che ha visto i ribelli talebani, i militanti del cosiddetto Stato islamico e altri gruppi armati contendersi con il governo sostenuto internazionalmente il controllo del paese. Nei primi nove mesi dell’anno scorso, secondo la missione ONU in Afghanistan, più di 8.000 civili sono stati uccisi o feriti.
Il sanguinoso conflitto si è esteso da una parte all’altra dell’Afghanistan: da Kabul, dove a fine dicembre decine di persone sono state uccise in un attacco a un centro culturale musulmano sciita, alle province, come quella orientale di Nangarhar, dove una bomba esplosa in un funerale, secondo quanto riferito, ha ucciso almeno 15 persone alla vigilia del 2018.

Vittime civili in Afghanistan e ritorno dall’Europa

La portata del massacro non ha fermato l’aumento delle deportazioni dall’Europa, dice Abdul Ghafoor, direttore dell’Agganistan Migrants Advice and Support Organization, che a Kabul lavora con i richiedenti asilo espulsi.
“Perché decidano di rimandare qualcuno in mezzo al pericolo va oltre la mia comprensione”, ha detto Ghafoor a IRIN.
Un controverso accordo tra l’Unione europea e governo afghano ha aperto la strada alla quasi totale deportazione dei richiedenti asilo afghani respinti.
Negoziato nel 2016, l’accordo prevede che l’UE imbarchi i richiedenti asilo respinti sui voli di ritorno per l’Afghanistan, compresi i “rimpatriati non volontari”. Le associazioni per i diritti umani sostengono che l’Afghanistan, fortemente dipendente dagli aiuti internazionali, è stato costretto a firmare l’accordo, un accordo definito ” un nuovo minimo ” per l’UE.
“Nessuna parte del paese può essere considerata sicura”, ha dichiarato Amnesty International nel rapporto di ottobre , in cui chiedeva ai governi europei di sospendere le deportazioni dei richiedenti asilo afghani.
I governi europei hanno visto da vicino la carneficina: a maggio, un enorme camion-bomba ha colpito vicino all’ambasciata tedesca nel cuore di Kabul, uccidendo oltre 150 civili.

Un programma dell’Organizzazione Internazionale per la Migrazione (IOM) aiuta le persone che sono tornate in Afghanistan volontariamente – sebbene i gruppi per i diritti umani osservino che molti rimpatriati non hanno altra scelta. Questo aiuto comprende il ricongiungimento dei rimpatriati alle famiglie, il trasporto nelle province d’origine e l’alloggio per un breve periodo a Kabul. Ma il ritorno è difficile.
“Molte persone investono molto nel viaggio per l’Europa e se si tratta di una famiglia il costo è così alto che probabilmente hanno venduto e investito tutto ciò che avevano nel fare quel viaggio”, ha detto Masood Ahmadi, responsabile IOM a Kabul. “Tornare al nulla può essere una cosa molto difficile”.
Nel frattempo, dai paesi vicini ci sono ritorni in massa ancora maggiori: secondo le agenzie delle Nazioni Unite, lo scorso anno oltre mezzo milione di afghani sono rientrati dal Pakistan e dall’Iran.
Unendo a questo fenomeno il frequente spostamento di persone che già vivono nel paese, l’Afghanistan si trova a cercare di reintegrare un numero enorme di persone nel mezzo di una guerra.
“I ritorni hanno … finito per essere il modello dominante nei processi migratori afghani in uno dei periodi più insicuri e instabili della storia recente del paese”, ha dichiarato il Migration Policy Institute in un rapporto di novembre.
Ma sebbene le deportazioni e i ritorni aumentano, molti afghani cercano comunque di uscire dal paese.
I dati dall’Unione europea mostrano che più di 38.000 cittadini afghani hanno presentato nuove richieste di asilo nei paesi dell’UE nei primi 11 mesi del 2017. E in un recente sondaggio di REACH , che si occupa di problemi umanitari, tra i rimpatriati afghani dall’Europa, la maggior parte degli intervistati ha dichiarato di aver pianificato di fare un altro tentativo di tornare in Europa non appena trovati i soldi necessari.
“[I paesi europei] spendono tutte queste energie per rimandare gli afghani indietro”, ha detto Ghafoor. “Ma nella mia esperienza, molti di questi afghani se ne andranno di nuovo, perché qui non ci sono nient’altro che minacce e insicurezza”.
Elham, tuttavia, dice che è stanco di correre da un paese all’altro.
Ma c’è poco per lui a Kabul, dove conduce un’esistenza circospetta – Elham non è il suo vero nome. Poche persone sanno che lui è in Afghanistan, eppure dice che i talebani hanno saputo del suo ritorno: la sua famiglia ha recentemente ricevuto una lettera minacciosa.
“Non posso andare a casa, non posso restare qui, non posso tornare indietro “, dice Elham. “Non so davvero cosa posso fare.”

  • Privacy

    Privacy Policy

    Informativa Cookie

  • Calendario eventi

    October  2018
    Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
       
    1 2 3 4 5 6 7
    8 9 10 11 12 13 14
    15 16 17 18 19 20 21
    22 23 24 25 26 27 28
    29 30 31  
  • 5×1000 ALLE DONNE AFGHANE

    Destina il 5x1000 alle donne afghane attraverso il CISDA CF: 97381410154
  • Categorie

  • Menu di accesso