Internazionale, 9 luglio 2022, di Michael Kugelman, Al Jazeera, Qatar 173623 md

 

L’attacco con i droni che il 2 agosto ha ucciso il leader di Al Qaeda Ayman al Zawahiri ha fatto precipitare i taliban in una crisi interna. Il gruppo è stato umiliato dall’azione militare unilaterale degli Stati Uniti e, dopo che aveva tenacemente sostenuto di non concedere asilo ai “terroristi”, le sue

...

Avvenire, 9 luglio 2022, di Luca Liverani  

Aavvenire 9 luglio 22 un anno dal ritorno dei fondamentalisti, Save the Children denuncia: «Crisi umanitaria e catastrofe dei diritti dei bambini». Tra lavoro, matrimoni precoci, violazioni «una generazione è a rischio»

Per informazioni: cisdaonlus@gmail.com - Per i giornalisti: stampa@cisda.it - Per le scuole: scuola@cisda.it

COMUNICAZIONE PER CHI VUOLE AIUTARE

Stiamo ricevendo, in questi giorni drammatici per l’Afghanistan, numerose mail e telefonate di persone ed associazioni che esprimono la loro forte indignazione per la condizione di sofferenza in cui il popolo afghano e soprattutto le donne sono costrette.
Il CISDA ringrazia tutte le Associazioni e i singoli che stanno esprimendo la loro solidarietà e si propongono per aiutare e sostenere il popolo afghano. Sui nostri canali social troverete informazioni e notizie che riceviamo direttamente dai nostri contatti nel paese. Attualmente la priorità resta quella di dare voce alle forze democratiche che sosteniamo pienamente.
Ci scusiamo pertanto se non riusciamo a rispondere ad ogni richiesta, ma per ora possiamo solo rinnovare il nostro appello a sostenere la campagna che il CISDA ha avviato per una raccolta fondi a favore delle organizzazioni e dei movimenti con cui collaboriamo da anni.
Per chi si reso disponibile ad accogliere le persone che devono lasciare il Paese, invitiamo ad aspettare le decisioni delle istituzioni nazionali ed internazionali rispetto all’avvio di corridoi umanitari. Qualora avessimo notizia di reti di solidarietà fidate provvederemo a renderle note.

Facebook CISDA

Chi volesse contribuire anche con una piccola cifra può farlo con un bonifico sul conto del CISDA, specificando nell’oggetto “DONAZIONE LIBERALE – EMERGENZA AFGHANISTAN”.

BANCA POPOLARE ETICA agenzia via Scarlatti 31 – Milano
Conto corrente n. 113666 – CIN U – ABI 5018 – CAB 1600
IBAN: IT74Y0501801600000011136660

RAWA7 ottobre 2021

Dichiarazione di RAWA sul 20° anniversario dell'occupazione dell'Afghanistan da parte di USA/NATO

rawa logo

Dopo vent'anni di guerra, il massacro di decine e migliaia di innocenti e la consegna dell'Afghanistan ai loro tirapiedi talebani (assicurando loro 85 miliardi di dollari in armi ed equipaggiamento militare), gli Stati Uniti e la

...

“Noi alzeremo la nostra voce ancora più forte e continueremo la nostra resistenza e la nostra lotta per la democrazia e i diritti delle donne!”

RAWA

L’invasione dell’Afghanistan da parte degli USA e dei paesi NATO, fatta con il pretesto di sconfiggere il terrorismo e liberare le donne, è stata un gigantesco fallimento.

La guerra ha prodotto 241.000 vittime (...

La lettera aperta che alleghiamo, promossa da numerose associazioni della "Rete In difesa di - Per i diritti umani e chi li difende" (www.indifesadi.org), tra cui AIDOS, AOI, ARCI, ARCS, CGIL, CISDA, CIPSI, COSPE, a cui hanno aderito oltre 40 altre associazioni e comitati, è stata inviata il 23 agosto al Presidente del Consiglio Mario Draghi, ai Ministri degli Esteri e degli Interni, alla Commissione Esteri della Camera e alla Presidente della Commissione per i diritti umani.

Al Rappresentante diplomatico italiano presso le

...

Un afgano ha raccontato al Cisda perché non è riuscito a imbarcarsi per l’Europa. Sfiorare la salvezza e non riuscire ad afferrarla. È quanto è capitato, ieri all’aeroporto di Kabul, alla famiglia di Ahmed (nome di fantasia per tutelare l’identità di un nostro conoscente). Nonostante avessero diritto ad accedere a uno dei voli verso un paese europeo, Ahmed, la moglie e i due bambini non ci sono riusciti a causa della calca e delle violenze dei talebani e hanno dovuto rinunciare a partire. Ora temono ritorsioni.
Questo il drammatico messaggio di Ahmed al Cisda (Coordinamento italiano

...

Internazionale, 9 luglio 2022, di Michael Kugelman, Al Jazeera, Qatar 173623 md

 

L’attacco con i droni che il 2 agosto ha ucciso il leader di Al Qaeda Ayman al Zawahiri ha fatto precipitare i taliban in una crisi interna. Il gruppo è stato umiliato dall’azione militare unilaterale degli Stati Uniti e, dopo che aveva tenacemente sostenuto di non concedere asilo ai “terroristi”, le sue affermazioni si sono rivelate delle menzogne.

Avvenire, 9 luglio 2022, di Luca Liverani  

Aavvenire 9 luglio 22 un anno dal ritorno dei fondamentalisti, Save the Children denuncia: «Crisi umanitaria e catastrofe dei diritti dei bambini». Tra lavoro, matrimoni precoci, violazioni «una generazione è a rischio»

InsideOver, 9 luglio 2022, di Mauro Indelicato

Le conseguenze di un evento internazionale si vedono sempre nel lungo periodo. Un anno fa i talebani hanno ripreso il potere in Afghanistan, occupando Kabul il 15 agosto 2021. Oggi gli effetti di quanto accaduto oramai dodici mesi fa si stanno facendo avvertire in Italia sotto forma di aumento degli approdi da parte di migranti afghani. Un elemento che sta incidendo e non poco sul complessivo trend in rialzo degli sbarchi nel nostro Paese.

Huffpost, 9 luglio 2022, di Luciana Borsatti

Gli ultimi giorni dei riti religiosi in onore dell’Imam Hussein, ucciso con il suoi seguaci a Kerbala nel 680 d.C., sono stati accompagnati da gravi attentanti nei quartieri sciiti di Kabul. E ricordano come la persecuzione di questa minoranza non sia mai finita, insieme al nostro dovere di dare asilo a chi lo chiede.

-Donne che manifestavano sono detenute, scomparse e torturate

- Donne e ragazze arrestate e detenute per“corruzione morale”

- Enorme aumento dei matrimoni infantili, precoci e forzati

Report di Amnesty International, 27 luglio 2022

La vita di donne e ragazze in Afghanistan è travolta dalla repressione talebana dei loro diritti umani, ha affermato Amnesty International in un nuovo rapporto pubblicato oggi.

Da quando hanno preso il controllo del Paese nell'agosto 2021, i talebani hanno violato i diritti di donne e ragazze all'istruzione, al lavoro e alla libera circolazione; hanno distrutto il sistema di protezione e

...

Il Manifesto - 30 luglio 2022 - di Giuliano Battiston

mortealrallentatoreUN RAPPORTO DI AMNESTY INTERNATIONAL. Kabul rassicura i paesi confinanti: «Dall’Afghanistan nessuna minaccia terroristica»

All’aeroporto di Fiumicino, a Roma, arrivano i primi trecento afghani attraverso i corridoi umanitari da Pakistan e Iran. All’aeroporto di Kabul, invece, le donne sole, prive di un uomo che le accompagni e faccia loro da “custode”, non possono partire: vietato lasciare il Paese. Così hanno deciso i Talebani,

i quali, secondo un rapporto di Amnesty International reso pubblico ieri, «in meno

...

Insideover.com  Lorenzo Vita  22 luglio 2022

Agenzia Fotogramma IPA26021607 334x188

Agli inizi di luglio, l’Afghanistan ha assistito a un fatto abbastanza unico nella sua storia recente: il mullah Haibatullah Akhunzada, leader solitario e isolato dei talebani, ha partecipato al più grande raduno degli “studenti coranici” dalla conquista di Kabul.

A circa un anno

...

Uikionlus.org 19 luglio 2022

rojava 2

Dieci anni fa, il 19 luglio 2012, i curdi hanno trovato il loro “Giorno della Libertà” quando il popolo di Kobane ha preso il controllo del proprio destino, respingendo le forze siriane di Assad e hanno iniziato a fondare il proprio autogoverno.
Il giorno successivo, il 20 luglio, le popolazione di Afrin si è unita a loro in questo sforzo, provocando un’ondata di resistenza di successo nei giorni e nei mesi successivi in ​​tutta la regione, da cui è emerso il Rojava. L’eroica resistenza di questi uomini e donne curdi assediati ha immediatamente ispirato la solidarietà di spettatori di tutto il mondo e i popoli di tutte le nazioni si sono mobilitati per la difesa di Kobane.

Quella che è

...

Affaritaliani.it 20 luglio 2022

Patto di sangue tra Mosca e il regime islamico:"Batteremo Nato e occidente". No alle sanzioni, Teheran and droni armati allo zar.

19649182 small10

Fra Russia e Iran accordi da 40 miliardi sull'energia: batteremo Nato e sanzioni

Il presidente russo, Vladimir Putin, ha utilizzato il suo primo viaggio fuori dall'ex Unione Sovietica da quando ha lanciato la cosiddetta “operazione speciale” in Ucraina il 24 febbraio, per tenere colloqui a Teheran con la Guida suprema, Ali Khamenei, il presidente Ebrahim Raisi, e il leader turco, Tayyip Recep Erdogan,

...

Una raccolta  di articoli e comunicati sulla questione curda da di «Anbamed», Cobas e «Rise up for rojava». 

La Bottega del Barbieri, 15 luglio 2022  stopTurkishinvasion-immag-300x169_copy.jpg

Siria (*)

Il ministro della guerra turco, Akar, in un incontro con gli alti ufficiali dell’esercito, ha sostenuto che l’esercito di Ankara ha subito numerosi attacchi da parte delle unità curde nel nord della Siria ed in particolare nelle zone di Manbij e Tal Rifaat.

Globalist, 12 luglio 2022  

Inchiesta della Bbcforze speciali britaniche che ha denunciato che uno squadrone dello Special air service (Sas) britannico ha ucciso 54 afgani disarmati in una serie di azioni in Afghanistan tra il 2010 e il 2011.

Articolo UNO, 11 luglio 2022, di Gulala Salih Presidente di UDIK, Unione donne italiane e kurde  curdi1 M

Da ventidue anni godo pienamente della democrazia e dei diritti nel mio paese adottivo, l’Italia, grazie alla sua Costituzione, al sacrificio dei partigiani e all’impegno dei democratici.

Pressenza, 9 luglio 2022, di Pasquale Pugliese  resistenza kurda zerocalcare 820x461

Come sappiamo, in un paese come il nostro dove la Resistenza antifascista ha rappresentato una parte fondamentale dell’identità repubblicana, la partecipazione alla guerra con la fornitura di armi al governo ucraino ha fatto massicciamente leva anche sulla retorica della resistenza, attraverso un ripetuto parallelismo tra la resistenza italiana negli anni 1943-45 al nazifascismo e la “resistenza” degli ucraini all’occupazione russa.

RAWA, 5.7.2022 (*) 

Il 2heath team rawa june24 20222 giugno 2022, un terremoto di magnitudo 5,9 ha colpito i distretti di Argoon e Barmal nella provincia di Paktika, e il distretto di Sapera nella provincia di Khost, nell'est dell'Afghanistan. Ha distrutto interi quartieri e devastato le vite di tanta povera gente. Secondo le statistiche ufficiali, circa 1000 persone sono morte e più di 1500 sono i feriti.

Theguardian. com Emma Graham-Harrison 1 luglio 2022

Haibatullah Akhundzada pronuncia un raro discorso pubblico in un raduno tutto maschile in cui esclude di fatto un governo inclusivo

Haibatullah akhondzada 400x240

L'emiro solitario dei talebani si è scagliato contro le richieste straniere al suo governo, poiché il responsabile dei diritti umani delle Nazioni Unite ha chiesto la fine della "sistematica oppressione" delle donne nel paese.

Internazionale.it 1 luglio 2022

172289 md

Il terremoto che il 22 giugno ha devastato parti delle province afgane di Khost e Paktika ha evidenziato la mancanza di regole e controllo nel settore degli aiuti”, scrive su Foreign Policy Lynne O’Donnel, che in passato ha diretto le sedi dell’Afp e dell’Associated Press a Kabul.

“Il controllo dei taliban sulle ong locali gli permette di dirottare i rifornimenti verso i loro sostenitori e i soldati”, continua O’Donnel, che fornisce i dettagli di un rapporto interno dell’Unama, la missione delle Nazioni Unite in

...

Malalai Joya - Milano, dicembre 2013

Meena Keshwar Kamal

MEENA (1956-1987) è nata a Kabul. Durante il suo periodo scolastico, gli studenti a Kabul e in altre città afghane erano profondamente impegnati in attività sociali e nei crescenti movimenti di massa.
Meena ha lasciato l'università per dedicarsi come attivista sociale ad organizzare le donne ed educarle. Perseguendo la sua causa per ottenere il diritto alla libertà e all'espressione e conducendo attività politiche, Meena ha posto le basi per la fondazione di RAWA nel 1977.
Questa organizzazione intendeva dare voce alle donne dell'Afghanistan private dei loro diritti e costrette al silenzio. Meena iniziò una campagna contro le forze sovietiche e il loro regime fantoccio nel 1979 e organizzò numerose marce e incontri in scuole, college e all'Università di Kabul per sensibilizzare l'opinione pubblica.
Un altro grande servizio reso da lei alle donne afghane è stato il lancio di una rivista bilingue Payam-e-Zan (Il messaggio delle donne) nel 1981. Per mezzo di questa rivista RAWA ha potuto lanciare con coraggio ed efficacia la causa delle donne afghane. Payam-e-Zan ha costantemente denunciato la natura criminale dei gruppi fondamentalisti.

Meena ha anche organizzato le scuole Watan per i bambini rifugiati, un ospedale e centri di artigianato per donne rifugiate in Pakistan per sostenere finanziariamente le donne afghane.
Alla fine del 1981, su invito del governo francese, Meena ha rappresentato il movimento afghano di resistenza al Congresso del Partito Socialista Francese.
La delegazione sovietica presente al Congresso, guidata da Boris Ponamaryev, ha lasciato la sala con vergogna quando i partecipanti applaudivano e Meena mostrava il segno di vittoria.
Oltre alla Francia Meena ha visitato anche vari altri Paesi europei e incontrato le personalità più importanti.
Il suo lavoro sociale attivo e la sua difesa effettiva contro le posizioni dei fondamentalisti e del regime fantoccio hanno provocato l'ira dei Sovietici e dei fondamentalisti; fu assassinata dagli agenti del KHAD (il braccio aghano del KGB) e dai loro complici a Quetta, in Pakistan, il 4 febbraio 1987.

A cura del

CISDA

COORDINAMENTO ITALIANO SOSTEGNO DONNE AFGHANE Onlus
Via dei Transiti 1 - 20127 Milano
Codice Fiscale 97381410154

Copyright © Osservatorio Afghanistan 2022
facebook_page_plugin