L'iniziativa "Giustizia per i curdi" ha raccolto tre milioni di firme per la rimozione del PKK dalla lista dei terroristi dell'UE e le ha consegnate alla Commissione europea

ANF, 31 gennaio 2023

20230131 20230131 20230131 135739 jpg3d1b68 image jpg139c08 image

Il gruppo terroristico del TTP, affiliato con i talebani afghani, sta mettendo in difficoltà il governo, come dimostra l'attentato di lunedì a Peshawar

Il Post, 1 febbraio 2023

1675237725 peshawar copy

Per informazioni: cisdaonlus@gmail.com - Per i giornalisti: stampa@cisda.it - Per le scuole: scuola@cisda.it

COMUNICAZIONE PER CHI VUOLE AIUTARE

Stiamo ricevendo, in questi giorni drammatici per l’Afghanistan, numerose mail e telefonate di persone ed associazioni che esprimono la loro forte indignazione per la condizione di sofferenza in cui il popolo afghano e soprattutto le donne sono costrette.
Il CISDA ringrazia tutte le Associazioni e i singoli che stanno esprimendo la loro solidarietà e si propongono per aiutare e sostenere il popolo afghano. Sui nostri canali social troverete informazioni e notizie che riceviamo direttamente dai nostri contatti nel paese. Attualmente la priorità resta quella di dare voce alle forze democratiche che sosteniamo pienamente.
Ci scusiamo pertanto se non riusciamo a rispondere ad ogni richiesta, ma per ora possiamo solo rinnovare il nostro appello a sostenere la campagna che il CISDA ha avviato per una raccolta fondi a favore delle organizzazioni e dei movimenti con cui collaboriamo da anni.
Per chi si reso disponibile ad accogliere le persone che devono lasciare il Paese, invitiamo ad aspettare le decisioni delle istituzioni nazionali ed internazionali rispetto all’avvio di corridoi umanitari. Qualora avessimo notizia di reti di solidarietà fidate provvederemo a renderle note.

Facebook CISDA

Chi volesse contribuire anche con una piccola cifra può farlo con un bonifico sul conto del CISDA, specificando nell’oggetto “DONAZIONE LIBERALE – EMERGENZA AFGHANISTAN”.

BANCA POPOLARE ETICA agenzia via Scarlatti 31 – Milano
Conto corrente n. 113666 – CIN U – ABI 5018 – CAB 1600
IBAN: IT74Y0501801600000011136660

grazieCare sostenitrici e cari sostenitori,
la situazione in Afghanistan sta diventando ogni giorno più difficile e rischiosa per tutte quelle persone, uomini e donne, che non si sono mai arrese alla brutale violenza del regime talebano.
Nell’anno appena concluso abbiamo avuto ospite della nostra associazione una compagna dell’organizzazione RAWA che il CISDA sostiene da più di venti anni. 
Molti e molte di voi hanno

...

RAWA7 ottobre 2021

Dichiarazione di RAWA sul 20° anniversario dell'occupazione dell'Afghanistan da parte di USA/NATO

rawa logo

Dopo vent'anni di guerra, il massacro di decine e migliaia di innocenti e la consegna dell'Afghanistan ai loro tirapiedi talebani (assicurando loro 85 miliardi di dollari in armi ed equipaggiamento militare), gli Stati Uniti e la

...

“Noi alzeremo la nostra voce ancora più forte e continueremo la nostra resistenza e la nostra lotta per la democrazia e i diritti delle donne!”

RAWA

L’invasione dell’Afghanistan da parte degli USA e dei paesi NATO, fatta con il pretesto di sconfiggere il terrorismo e liberare le donne, è stata un gigantesco fallimento.

La guerra ha prodotto 241.000 vittime (...

La lettera aperta che alleghiamo, promossa da numerose associazioni della "Rete In difesa di - Per i diritti umani e chi li difende" (www.indifesadi.org), tra cui AIDOS, AOI, ARCI, ARCS, CGIL, CISDA, CIPSI, COSPE, a cui hanno aderito oltre 40 altre associazioni e comitati, è stata inviata il 23 agosto al Presidente del Consiglio Mario Draghi, ai Ministri degli Esteri e degli Interni, alla Commissione Esteri della Camera e alla Presidente della Commissione per i diritti umani.

Al Rappresentante diplomatico italiano presso le

...

L'iniziativa "Giustizia per i curdi" ha raccolto tre milioni di firme per la rimozione del PKK dalla lista dei terroristi dell'UE e le ha consegnate alla Commissione europea

ANF, 31 gennaio 2023

20230131 20230131 20230131 135739 jpg3d1b68 image jpg139c08 image

Il gruppo terroristico del TTP, affiliato con i talebani afghani, sta mettendo in difficoltà il governo, come dimostra l'attentato di lunedì a Peshawar

Il Post, 1 febbraio 2023

1675237725 peshawar copy

Rilanciato un progetto finanziato dall'UE per portare dozzine di ragazze afgane a studiare in Kazakistan, Kirghizistan e Uzbekistan.

Farangis Najibullah Radio Free Europe Radio Liberty - 30 gennaio 2023
donnachelegge

Più di 100 ragazze afghane che hanno ottenuto borse di studio quinquennali sono già nei paesi ospitanti per iniziare i loro studi, hanno detto gli organizzatori.

Il progetto per aiutare a dare potere alle donne afgane è stato inizialmente lanciato nel

...

Radio Azadi, il servizio in lingua dari e pashto di Radio Free Europe/Radio Liberty, può essere nuovamente ascoltata in Afghanistan. Il 1° dicembre 2022 il governo ha deciso di riaprire la stazione radio

T. Carter Ross -Radio World - 30 gennaio 2023

Azadi Tweet 726x408

Le nuove trasmissioni vengono lanciate nel 21° anniversario delle prime trasmissioni di Azadi. Nel 2002, gli Stati Uniti e il governo precedente dell'Afghanistan hanno raggiunto un accordo che permetteva agli Stati Uniti di stabilire e gestire la stazione a 1296 kHz da Pul-e-Charkhi, vicino a Kabul.

"La nostra

...

CISDA ricorda Meena, la fondatrice di Revolutionary Association of the Women of Afghanistan - RAWA a trentasei anni dal suo martirio. 

4 febbraio 1987 – 4 febbraio 2023

download copy copy copy copy copy copy copy copy copy copy copy copy copy

Carissima Meena,

ti abbiamo incontrata grazie alla forza e alla tenacia con cui le tue compagne hanno deciso di portare avanti il progetto di liberazione nato quando la vita ti vedeva nel pieno della giovinezza. Era la fine degli anni ’70. All’università di Kabul gruppi di studenti fondamentalisti contestavano

...

Ilsussidiario.net  Marta Duò 28 gennaio 2023

Tra le fila dell'esercito russo ci sono dei veterani dell'Afghanistan: dimenticati dagli Stati Uniti e perseguitati dai talebani, la Russia rappresenta una speranza.

ucraina guerra donetsk 2 lapresse1280 640x300

Ho contribuito a costruire la legione straniera di Vladimir

...

Asianews.it - Istambul - 23 gennaio 2023

TURCHIA IRAN AFGHANISTAN migranti copy copy

In aumento il fenomeno dei rapimenti a scopo di estorsione per mano di bande che operano impunite. Alle famiglie di origine vengono chieste modiche somme, mai superiori a 500 euro. Le repressioni di Teheran delle proteste per Mahsa Amini “oscurano” l’emergenza migrazione. Intanto Ankara prosegue la politica dei rimpatri.“Gli afghani non conoscono bene l’area, e finiscono per smarrirsi in piccoli villaggi dove diventano facile preda di uomini armati”. Sami (il

...

Rawanews.org  - Amu 23 gennaio 2023

women forced to marry 2022

Le donne che sono state costrette a sposarsi contro la loro volontà hanno storie diverse da raccontare, alcuni dicono che la povertà è stata il fattore trainante, mentre altri hanno detto che il motivo era la paura che i talebani le sposassero.

Un'organizzazione di ricerca che ha chiesto di non essere identificata per motivi di sicurezza ha affermato di aver registrato almeno 2.200 casi di matrimoni forzati nell'ultimo anno, di cui 900 erano ragazze sposate con membri talebani.

“Non ero pronta ma sono stata

...

vociglobali.it   Clara Geraci  25 gennaio 2023

resize Women in burqa with their children in Herat Afghanistan 585x390 copy

Non sono trascorsi ancora diciotto mesi da quando la bandiera del nuovo Emirato islamico è tornata a sventolare su Kabul, e per le strade d’Afghanistan è quasi un miraggio scorgere un volto di donna. La ragione è presto detta. Sono tornati i taliban, il

...

La missione ONU in Afghanistan, che a nostro parere, spera nei "talebani progressisti" ma come sempre dicono le nostre fonti afghane i talebani sono sempre gli stessi non sono cambiati.

La Voce di New York - 20 gennaio 2023 - di Stefano Vaccara  ONU vice segretario

La vice Segretario Generale ONU, alla fine della missione "nascosta", rilascia delle dichiarazioni alla BBC e spera nei "talebani progressisti"

Amina Mohammed, la vice segretaria generale dell’ONU, Amina Mohammed, con la direttrice esecutiva di UN Women, Sima Bahous, e 

...

Uiki onlus - 19 gennaio 2023  

Tra il 2013 e il 2015, 10 milioni e 300 mila persone nel mondo hanno sottoscritto un appello internazionale che chiedeva la libertà per Abdullah Öcalan, rapito da un complotto internazionale il 15 febbraio 1999, e per i prigionieri politici in Turchia. Da oltre 24 anni Öcalan è segregato nel carcere di massima sicurezza di Imrali.

Nel 2015 il presidente turco Recep Tayyip Erdoğan aveva posto fine unilateralmente al processo di risoluzione democratica con Abdullah Öcalan e con il PKK (Partito dei Lavoratori del Kurdistan) avviatosi

...

NEWS Mondo - 18 gennaio 2023  di Gabriella De Rosa

Molte Ong hanno intenzione di tornare in Afghanistan per aiutare le popolazioni che sono allo stremo a condizione dei talebani.

CARE, Save the Children e l’International Rescue Committee (IRC) sono le prime organizzazioni non governative che hanno dichiarato di aver avuto ricevuto assicurazioni da funzionari talebani che le lavoratrici saranno autorizzate a svolgere le loro mansioni. Anche se le promesse dei talebani sono già state tradite dopo quelle fatte una volta tornati al potere nell’agosto del 2021, le ong decidono di riprovarci in Afghanistan.

I talebani avevano promesso di cambiare il loro approccio nei confronti delle donne rispetto a quanto fatto durante la precedente dittatura venti

...

tvsvizzera.it -18 gennaio 2023

Kabul  e molte altre province hanno registrato bassissime temperature dal 10 gennaio e la situazione non dovrebbe migliorare a breve. 

kabulAlmeno 70 persone sono morte in una settimana a causa dell'ondata di freddo in Afghanistan, un paese in preda ad una grave crisi umanitaria. Lo hanno riferito oggi le autorità.

Kabul e molte altre province hanno registrato bassissime temperature a partire dal 10 gennaio: nella regione centrale di

...

Asia news, 18 gennaio 2023, di di Emanuele Scimia  PK ZH Afg Haqqani

Secondo Husain Haqqani, ex ambasciatore pakistano a Washington, le due parti vogliono mantenere relazioni stabili. Nonostante gli interessi nei due Paesi, è difficile che la Cina si inserisca nella diatriba. L’India fornisce all’Afghanistan aiuti allo sviluppo, ma non la si può considerare partner dei talebani.

UIKI Onlus, 17 gennaio 2023 

HDP_Appello_copy_copy.jpgIl caso Kobani è stato presentato nel 2020 contro 108 persone, tra cui gli ex co-presidenti di HDP Selahattin Demirtaş e Figen Yüksekdağ, l’attuale co-presidente Pervin Buldan, e diversi attuali deputati e sindaci ed ex sindaci di HDP e tutti i membri del  Comitato esecutivo centrale di HDP del 2014.

TODAY Mondo, 17 gennaio 2023  

Per ora nessuno ha rivendicato l'omicidio. Secondo il portavoce della polizia di Kabul sono stati rubati gioieMursaal Nabizadalli e beni appartenenti alla donna

Si è rifiutata di lasciare l'Afghanistan, il Paese che amava, ed è stata uccisa per questo motivo. L'ex deputata afghana Mursaal Nabizada è stata assassinata,

Malalai Joya - Milano, dicembre 2013

Meena Keshwar Kamal

MEENA (1956-1987) è nata a Kabul. Durante il suo periodo scolastico, gli studenti a Kabul e in altre città afghane erano profondamente impegnati in attività sociali e nei crescenti movimenti di massa.
Meena ha lasciato l'università per dedicarsi come attivista sociale ad organizzare le donne ed educarle. Perseguendo la sua causa per ottenere il diritto alla libertà e all'espressione e conducendo attività politiche, Meena ha posto le basi per la fondazione di RAWA nel 1977.
Questa organizzazione intendeva dare voce alle donne dell'Afghanistan private dei loro diritti e costrette al silenzio. Meena iniziò una campagna contro le forze sovietiche e il loro regime fantoccio nel 1979 e organizzò numerose marce e incontri in scuole, college e all'Università di Kabul per sensibilizzare l'opinione pubblica.
Un altro grande servizio reso da lei alle donne afghane è stato il lancio di una rivista bilingue Payam-e-Zan (Il messaggio delle donne) nel 1981. Per mezzo di questa rivista RAWA ha potuto lanciare con coraggio ed efficacia la causa delle donne afghane. Payam-e-Zan ha costantemente denunciato la natura criminale dei gruppi fondamentalisti.

Meena ha anche organizzato le scuole Watan per i bambini rifugiati, un ospedale e centri di artigianato per donne rifugiate in Pakistan per sostenere finanziariamente le donne afghane.
Alla fine del 1981, su invito del governo francese, Meena ha rappresentato il movimento afghano di resistenza al Congresso del Partito Socialista Francese.
La delegazione sovietica presente al Congresso, guidata da Boris Ponamaryev, ha lasciato la sala con vergogna quando i partecipanti applaudivano e Meena mostrava il segno di vittoria.
Oltre alla Francia Meena ha visitato anche vari altri Paesi europei e incontrato le personalità più importanti.
Il suo lavoro sociale attivo e la sua difesa effettiva contro le posizioni dei fondamentalisti e del regime fantoccio hanno provocato l'ira dei Sovietici e dei fondamentalisti; fu assassinata dagli agenti del KHAD (il braccio aghano del KGB) e dai loro complici a Quetta, in Pakistan, il 4 febbraio 1987.

A cura del

CISDA

COORDINAMENTO ITALIANO SOSTEGNO DONNE AFGHANE Onlus
Via dei Transiti 1 - 20127 Milano
Codice Fiscale 97381410154

Copyright © Osservatorio Afghanistan 2023
facebook_page_plugin