OSSERVATORIO AFGHANISTAN

Dalla parte di chi non ha voce



Dolore e Stigma: la duplice tragedia delle giovani vedove afghane

|

Posted on | April 15, 2018

Vedove in Afghanistan in fila per gli alimenti alimentari. Nel paese ci sono circa 2,5 milioni di vedove, uno dei tassi di vedovanza più alti del mondo in relazione alla dimensione della popolazione. Dopo aver perso soldi, molte donne non sono mai state così male, ma anche allo stigma e all’isolamento sociale.
DAVID FURST / AFP / Getty Images

 

da  www.newsdeeply.com, 8 febbraio 2018

Traduzione di Cristina Cangemi, Giulia Giunta, Ester Peruzzi, Dalila Scaglione e Sara Somaini

 

Dopo decenni di guerra, in Afghanistan ci sono circa 2,5 milioni di vedove, che hanno un’età media di 35 anni. Impegnati a mantenersi e inconsapevoli dei loro diritti, come giovani donne soffrono anche per le usanze culturali che le lasciano isolare e impoverite.

KANDAHAR, Afghanistan – Quando la sedicenne Nasreen * non ha ricevuto notizie dal marito per cinque giorni, ha capito che era successo qualcosa. Il poliziotto della provincia di Kandahar tornava a casa ogni giorno dopo il lavoro. Il sesto giorno, dopo la preghiera del mattino, qualcuno ha bussato alla porta. Erano il mullah e gli anziani del villaggio.
“Il mullah ha detto che gli dispiaceva informarmi che mio marito era morto”, dichiara il giovane mentre prega sulla tomba del marito in un cimitero a Kandahar.
Nasreen era sposata in solitaria da sette mesi in cui ho letto e ucciso il suo marito mentre tornava a casa dal lavoro una sera di fine novembre 2017. Ciò significa che al di là e al contrario di vivere senza il reddito del marito, è anche vittima di un ‘insensibile usanza regionale. Le comunità Pashtun di alcune zone rurali dell’Afghanistan credono che un uomo subisce una tragedia entro i 10 mesi dal matrimonio, sia colpa della sposa, che deve aver in qualche modo maledetto la famiglia.
“Poco dopo la morte di mio marito, non solo la sua famiglia ma anche le donne dell’intero villaggio hanno iniziato a maltrattarmi”, sostiene Nasreen. Dice di aver riportato subito abusi verbali dai vicini ed è stata scattata dai membri della famiglia del defunto marito.
La prima è che ho perso, giovanissima, mio ​​marito con cui ho vissuto una vita davvero felice. La seconda è che non c’è nessuna possibilità di risposarmi perché sono diventata famosa come sposa maledetta “.

In quarant’anni di stato quasi continuo, l’Afghanistan è diventato un paese di vedove di guerra. Non ci sono dati ufficiali su combattimenti, ma le previsioni parlano di circa 2,5 milioni di vedove in Afghanistan. Il matrimonio precoce è comune nelle zone rurali e in alcune zone urbane del paese – dove un terzo delle ragazze si sposa prima dei 18 anni – quindi l’età media di una vedova afgana è di soli 35 anni.
Per queste giovani donne, la morte del marito è una duplice tragedia. Inconsapevoli dei loro diritti e stigmatizzate dalla tradizione, spesso si vedono costrette a vivere in povertà, senza figli e in solitudine.

“Il simbolo della tristezza”

Secondo le stime delle Nazioni Unite, circa il 94% delle vedove afghane non sa né leggere né scrivere. Incapaci di lavorare, molte donne dopo la morte del marito sono costrette a vivere in una povertà estrema. Ma anche le giovani vedove di guerra soffrono l’improvviso collasso dei ruoli famigliari che spesso sono dettati da rigide leggi culturali. Di solito, sono le occupazioni dei figli e della casa, mentre gli uomini sono occupano di casa e cibo. Quando si sta perdendo un’adolescente il marito, è difficile per lei realizzare adattare e svolgere tutte le mansioni.

“Le ragazze giovani che vanno dai 15 ai 19 anni sono le principali vittime della guerra. Una considerevole situazione di vedove non sono donne ma ragazze “afferma Uzma Azimi, un’attivista per i diritti delle giovani vedove.

A causa della loro giovane età, queste vedove sono meno rischi di sapere come accedere agli aiuti che sono più vulnerabili alle tradizioni opprimenti. Il governo afghano offre un risarcimento alle vedove, ma per la scarsa educazione molte di loro non sono informati neanche del diritto ad avere quei benefici finanziari, figuriamoci di venire richiederli, afferma Azimi.
Anche se una vedova conosce i propri diritti, le usanze conservatrici possono privarla di qualsiasi risarcimento che gli spetta. Secondo la legge culturale nella comunità dei Pashtun, quando una donna perde il marito, trascorre un anno in prima cosa che il cognato sposato la prenda viene seconda moglie – non ha importanza la differenza di età tra loro. Qualsiasi eredità o patrimonio in cui la vedova aveva accesso, adesso appartiene al suo nuovo marito.
La tradizione costringe anche le vedove all’isolamento sociale, che può essere particolarmente devastante per una giovane donna.
“Le vedove adolescenti perdono ogni libertà dopo la morte dei mariti – sono il simbolo della tristezza”, afferma Azimi. “Non è concesso loro partecipare alle cerimonie nuziali, di parlare ad alta voce o di divertirsi. Aggiungi l’abito capi colorati, gioielli e truccarsi è assolutamente proibito alle vedove nella cultura afghana “.
Costatando che l’Afghanistan ha uno dei più alti livelli di vedovanza nel mondo, in proporzione alla dimensione della popolazione, Azimi chiede al governo di creare una legge separata per proteggerle dall’usanza che sfrutta le donne dopo la morte dei loro mariti.
Ma lei sa bene che una nuova legge non è un grande impatto a meno che gli uomini del paese non s’impegnino a difendere i diritti delle vedove. “La maggior parte delle vedove nelle zone rurali non ha quasi nessun accesso alle corti e sistemi nel sistema giudiziario tribale”, affermato. “Gli anziani delle tribù in riformare le tradizioni tramite il Jirga – una corte tribale in Afghanistan – ed evitare le pratiche crudeli contro le vedove”.
Azimi vuole anche che il governo offra più soldi per aiutare le donne che hanno perso i loro soldi e, con loro, la loro unica fonte di reddito. “I risarcimenti non si possono affrontare per sempre i problemi economici delle vedove. Il governo deve offrire opportunità di lavoro a tutte le vedove “.

Obbligare un rimanere povero

La diciottenne fatima *, madre di due bambini, è vedova da un anno, da quando il suo marito è rimasto ucciso in un’esplosione un giorno dal loro anniversario di matrimonio. La coppia ha festeggiato l’anniversario il mattino, prima che lui easse a lavorare come promotore immobiliare. Quella notte è tornato a casa in una bara.

Come molte altre giovani vedove, fatima combatte per mantenere la sua famiglia e le idee intransigenti della comunità su cosa le donne possono fare, anche quando diventano l’unica fonte di reddito della famiglia, non fanno che peggiorare la situazione.

“Non ho ricevuto alcun aiuto dal governo per il fatto che l’unica persona che portava a casa il pane è stato veramente difficile, il ruolo di marito, perché le vedove devono essere rispettate rigide pratiche culturali”.

All’inizio Fatima ha provato un posto in un ufficio pubblico, ma nessuno voleva assumerla perché priva d’istruzione ed esperienza.

“Ora sono una mendicante e chiedo aiuto agli estranei per la sopravvivenza dei miei bambini”.

* I nomi di alcune persone sono stati modificati per proteggere la loro identità.

  • Calendario eventi

    April  2018
    Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
       
      1
    2 3 4 5 6 7 8
    9 10 11 12 13 14 15
    16 17 18 19 20 21 22
    23 24 25 26 27 28 29
    30  
  • 5×1000 ALLE DONNE AFGHANE

    Destina il 5x1000 alle donne afghane attraverso il CISDA CF: 97381410154
  • Categorie

  • Menu di accesso